Inizio
cover-digitips-15-ottobre-lgdp
A cura di Redazione

Digitips: le migliori notizie settimanali dal mondo digital

Siamo davvero felici di annunciare la nascita di Digitips, una nuova rubrica interamente dedicata al mondo digitale e al digital marketing. Con un team accuratamente scelto cercheremo di aggiornarvi su tutte le novità della settimana, sia dei big player, ma anche di tutti gli altri. Siamo in procinto di affrontare un lungo ed emozionante viaggio tra le nuove tecnologie, i social network e tanti aggiornamenti interessanti. Se vuoi rimanere al passo con tutte le novità… non puoi perderti Digitips!

Questa settimana ne sono successe davvero delle belle nel mondo digital… siete pronti?

Annuncio

Instagram, nuove funzionalità per conquistare i più giovani

Niente social per i bambini, almeno per il momento. Dopo un momento di studio e riflessione Instagram ha momentaneamente accantonato l’idea di di sviluppare un Social Network dedicato ai più giovani, ma non abbandona la guerra con Tik Tok per la Gen Z. Nick Clegg, vicepresidente degli affari globali in Facebook, ha annunciato l’introduzione di due nuove opzioni dedicate ai giovanissimi. La prima novità sarà quella di scoraggiare l’utente nella visualizzazione di contenuti potenzialmente dannosi, mentre la seconda suggerirà all’utente quando prendere una pausa (nel caso di uso prolungato, anche se non è ancora chiara l’effettiva tempistica). Instagram ha confermato, in un’intervista a The Verge, rete statunitense di notizie, di star testando entrambe le funzionalità. 

Sicurezza dell’utente al centro della nuova strategia di Zuckerberg, che punta con queste nuove mosse a conquistare quote di mercato.

Tik Tok sbarca in televisione

Tik Tok arriva sul piccolo schermo. Non come programma televisivo o con un canale dedicato, ma con la prima versione dell’applicazione per i televisori. La prima azienda che renderà disponibile l’app per i suoi prodotti è LG, la quale ha dichiarato che già dal mese di ottobre i clienti avranno la possibilità di avere Tik Tok direttamente sul proprio apparecchio. Inizialmente sarà disponibile solo sugli ultimi modelli e solo in UK, Francia e Germania, ma si tratta solo della fase iniziale prima di una diffusione più capillare. Momentaneamente i video appariranno in formato verticale come da mobile senza sfruttare l’intero schermo del televisore, ma siamo certi che ByteDance starà lavorando su una fruizione davvero innovativa. Con questa iniziativa Tik Tok, dopo aver festeggiato il traguardo del miliardo di utenti attivi, andrà a colpire una fascia di utenti totalmente diversa da quella che finora ha invaso la piattaforma cinese, conquistando nuove quote di mercato.

tiktok-televisione-digitips-lgdp
Image Credits: Playblog.it

Facebook lancia il suo nuovo Horizon Worlds

L’attenzione degli utenti è la miniera d’oro del terzo millennio e dalle parti di Menlo Park lo sanno bene e hanno tutta l’intenzione di monetizzare questo nuovo bene. Facebook ha sperimentato Horizon, un programma dedicato a tutti i migliori creators della piattaforma che ha dato tanti strumenti utili a tutti gli addetti ai lavori. Vista la grande partecipazione Zuckerberg ha deciso di battere il ferro finché è caldo e mette sul piatto altri 10 milioni di dollari per i creators in un nuovo programma chiamato Horizon Worlds. Si tratta di un vero e proprio mondo virtuale in cui i creatori di contenuti possono incontrarsi e scambiare idee creative, fare brevi brainstorming e trarre ispirazione l’uno dall’altro. Ma non solo, perché il social network ha recentemente dichiarato che all’interno di questo spazio distribuirà i fondi attraverso concorsi, programmi di formazione dedicati e finanziamenti per sviluppatori

Un investimento importante da parte di Facebook che ha capito il vero valore aggiunto delle varie piattaforme. Ora Zuckerberg schiaccia sull’acceleratore tentando di seminare tutti i competitor che ultimamente si sono affacciati nel panorama mondiale (Tik Tok su tutti). Riuscirà nell’impresa?

Annuncio

Siamo vicini al primo Frigorifero intelligente grazie ad Amazon?

Amazon punta alle nostre cucine, e lo fa con un prototipo davvero innovativo. Dalle parti di Seattle stanno studiando un frigorifero intelligente, capace di tener traccia (e memoria) di tutto ciò che contiene. La tecnologia sarebbe la stessa già utilizzata in Amazon Go, gli store fisici senza cassa pensati dal team di Bezos, che tiene traccia di ciò che gli acquirenti mettono nel proprio carrello addebitando il relativo prezzo nel momento dell’uscita. In questo caso il frigorifero intelligente ci aiuterà a tenere sotto controllo le nostre scorte e ordinare i prodotti in modo da non rimanere mai senza, secondo i nostri gusti e le nostre abitudini di acquisto

Un nuovo automatismo sta dunque per cambiare le nostre vite, con una sorta di pilota automatico per le scorte alimentari che terremo in casa. Riuscirà questa idea a sfondare e diffondersi come già avvenuto per gli assistenti vocali?

frigorifero-intelligente-amazon-digitips-lgdp
Image Credits: Tech.fanpage.it

Youtube, più sottotitoli per tutti

Nuovi aggiornamenti in arrivo per la piattaforma Made in Google, che estenderà presto la funzione dei sottotitoli automatici a tutti gli streamer. Se fino a oggi l’opzione era disponibile solo per i canali con più di 1.000 iscritti, presto avremo la possibilità di utilizzarla ogni video in diretta attraverso una semplice opzione all’interno di Youtube Studio. E la notizia potrebbe essere “succulenta” anche per gli streamer nostrani, visto che dalle parti di Mountain View iniziano a esplorare anche altre lingue oltre l’inglese.

E non è finita qui perché gli utenti potranno usufruire del motore di ricerca per trovare determinate parole all’interno dei sottotitoli, “atterrando” così nella parte di video più interessante per lo spettatore. YouTube evolve ancora, dopo l’aggiornamento delle audio ads, di cui vi avevamo parlato in questo articolo.

Le funzioni sono attualmente in roll-out e saranno presto disponibili per tutti gli utenti. 

Image Credits: Wired.it

Attacco al potere – DuckDuckGo, Qwant ed Ecosia contro Google

Google è da anni il leader incontrastato nel settore dei motori di ricerca, superando di gran lunga qualsiasi tipo di concorrente. Secondo i dati Seoalk nel 2020 oltre il 91% delle ricerche veniva effettuato sul sito di Larry Page e Sergey Brin. Con l’avvento dei dispositivi mobili il divario è cresciuto ulteriormente, anche grazie al sistema operativo proprietario Android, che si serve di Google come motore di ricerca predefinito. Proprio questo argomento è salito alla ribalta negli ultimi giorni grazie alla lettera indirizzata all’Unione Europea firmata da alcuni “piccoli” motori di ricerca che contestano la scelta da parte di Mountain View, vedendola come una grande limitazione alla libera concorrenza. Riusciranno i piccoli Davide ad avere la meglio sul Golia delle ricerche online?

Image Credits: Carchesio.it

Gli Shorts Video sbarcano sulla SERP, Google avvia i primi test

Gli Shorts Videos, divenuti parte integrante di YouTube dallo scorso 14 luglio, oggi approdano anche nella versione desktop del portale di Google. Possiamo parlare di YouTube Shorts come di una realtà già affermata, che ha riscosso un grande successo tra gli utenti di tutto il mondo. Brodie Clark, noto consulente SEO sempre attento a ogni movimento di Mountain View, ha recentemente notato che dalle parti di Google stanno conducendo dei test per implementare gli shorts video direttamente nella SERP, anche da desktop. Non è un cambiamento da poco, perché se la cosa andasse in porto, moltiplicherebbe in modo esponenziale la visibilità di ogni Short Video, a vantaggio dei creators (e ovviamente degli inserzionisti).

Nuovo evento Apple in arrivo. L’invito è da urlo

Il 18 ottobre non prendete impegni, ci sarà Unleashed, il secondo evento autunnale di Apple! A partire dalle 19 (ora italiana) si accenderanno i riflettori dalle parti di Cupertino, dove il buon Tim Cook potrebbe presentare i nuovi MacBook PRO, gli AirPods 3 e gli Home Pod Mini. Lo stile innovativo di Apple traspare anche dall’invito all’evento, in cui i destinatari hanno trovato una sorpresa in realtà aumentata, visibile ovviamente solo tramite un iPhone o un Ipad. Come visualizzarla? È facile, basta accedere nella pagina ufficiale Apple e cliccare sull’immagine in copertina. Basta attendere qualche secondo e… sorpresa!

Apple colpisce ancora.

Image Credits: Apple.com

Instagram sta testando una notifica per i tilt dell’app

Dopo il recente “blackout” in casa Zuckerberg, Instagram ha deciso di testare una nuova funzione che mette al corrente gli utenti quando si sta verificando un’interruzione o un problema tecnico, con relative tempistiche. 

Feedback generali e forum di discussione della community, hanno infatti fatto emergere la frustrazione degli utenti a causa della mancanza di chiarezza da parte del social quando si verificano problemi temporanei che non dipendono da loro. La nuova funzione pubblicherà dunque un messaggio di avviso nel feed di attività di ogni account. Il test partirà dagli Stati Uniti e proseguirà per i prossimi mesi.

Annuncio

Canva sbarca nel mondo del video editing

Canva, tanto amato dai content creator ma allo stesso tempo odiato dai grafici, entra nel mondo del video editing. Il famosissimo tool, che ha spopolato negli ultimi anni, prosegue la sua marcia inarrestabile e offre i propri servizi non solo per la realizzazione e modifica delle immagini, ma anche per i video. E proprio come per le immagini, anche in questo caso Canva offre un’interfaccia semplice e intuitiva, e tanti strumenti utili come elementi e template che consentono di realizzare lavori professionali anche se si è alle prime armi. La nuova funzione, almeno per il momento, è totalmente gratuita.

Image Credits: Canva.com

La clinica in Scozia che sta curando i “malati” di Crypto

Come le droghe o il gioco d’azzardo, anche cripto-trading può creare dipendenza

La clinica scozzese Castle Craig si è presa l’onere di aiutare le persone con dipendenze da criptovalute: “il numero di richieste di cripto-dipendenze è aumentato di dieci volte rispetto allo scorso annoha dichiarato uno dei terapeuti. Dal 2017 la clinica ha curato almeno quindici pazienti con dipendenza da criptovalute e ora che il trading di criptovalute è diventato mainstream, sono aumentate anche le richieste di informazioni sul questo programma di rehab proposto dalla clinica Castle Craig.

Image Credits: Inputmag.com

Google Plex non convince, addio al progetto dopo nemmeno un anno

Dopo neanche un anno Google abbandona Plex, il piano finanziario presentato insieme al restyling di Google Pay alla fine del 2020. Partito con l’handicap di essere destinato al solo mercato USA, il servizio si poneva l’obiettivo di ottimizzare le transazioni utilizzando l’intelligenza artificiale e soprattutto permettere una maggiore interazione tra Google Pay (vero servizio di punta di Google per il settore finanziario) e gli istituti bancari. I continui ritardi negli aggiornamenti (che di fatto ne hanno compromesso una diffusione capillare) e soprattutto l’uscita dall’azienda di alcuni fervidi sostenitori del servizio hanno di fatto condannato Plex.

Un flop che non sposta gli equilibri all’interno di Mountain View, dove ora ci si potrà concentrare su nuovi avvincenti progetti.

Image Credits: Tivustream.com

Si conclude qui la prima puntata della nuova rubrica de La Gazzetta relativa al mondo digital. Cosa ci aspetta la prossima settimana? Continuate a seguirci e lo scoprirete insieme a noi.

Ci leggiamo presto!

Rubrica curata da: Marco Pennacchi, Emanuele Nasato, Ida Giannattasio, Alan Conti.

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle ventimila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Redazione

redazione@lagazzettadelpubblicitario.it

La Gazzetta del Pubblicitario è una realtà nata nel 2019 dalla voglia di raccontare storie creative legate a brand di successo, o piccole realtà che con un’idea si sono fatte strada tra il grande pubblico: un telescopio puntato verso il mondo pubblicitario, che proverà ad analizzare le parti più interessanti del processo creativo che portano ad una campagna di successo.

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana,

ogni domenica.

E come sempre, ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)