|

“I Nostri Sogni”, la produzione dove i “creator” sono ragazzi disabili

Avatar photo
18 Ottobre 2022
Il tempo di un caffè

Verrá utilizzata la realtà virtuale e i nuovi linguaggi dell’audiovisivo per realizzare un corto cinematografico crossmediale

Quando si ha a che fare con un adolescente affetto da una grave disabilità, spesso e volentieri si commette il grave errore di ridurre la sua essenza alla malattia di cui soffre. Ciò non fa altro che radicare nella mente di questi stessi ragazzi l’impressione di non poter coltivare passioni, scoprire di avere un talento naturale o di sognare ad occhi aperti. Il progetto “I Nostri Sogni” permette a 24 adolescenti affetti da rare malattie e disabilità di scoprire le proprie qualità artistiche e di mostrarle al mondo, partecipando ad un laboratorio di Storytelling, Video e Social. Alla fine di questo percorso, i ragazzi realizzeranno un cortometraggio cinematografico che verrà proiettato su Rai Cinema Channel. Il progetto verrá realizzato in co-produzione con Giffoni Innovation Hub, in partecipazione con Rai Cinema Channel, in collaborazione con Film Commission Piemonte e con il supporto di ALMED, l’alta scuola di formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. 

@inostrisogni È cominciato il progetto creativo “i Nostri Sogni”! ✨ ✨ L’idea nasce dal desiderio di aiutare adolescenti affetti da patologie gravi attraverso laboratori creativi di storytelling video e gestione dei social. L’obiettivo è quello di aiutare i ragazzi a trovare i loro talenti nascosti! #fyp #inostrisogni ♬ Ma stasera – Marco Mengoni

A scuola di cinematografia per raccontare se stessi

Il progetto iniziato a metà settembre, oltre ai protagonisti del corto, include un regista, una troupe cinematografica e degli specialisti in disabilità complesse. La loro presenza aiuterà i ragazzi ad immergersi completamente nel mondo della cinematografia, rendendoli partecipi di tutte le fasi di produzione. Si tratta di un prodotto crossmediale, basato quindi sull’utilizzo di diversi media. I ragazzi imparano ad utilizzare i social network come Tiktok ed Instagram e quanto realizzato utilizzando queste piattaforme servirá ad arricchire il cortometraggio. L’utilizzo di questi strumenti permette quotidianamente ai giovani di condividere in rete riflessioni, modi di essere e aspetti della propria vita: utilizzarli aiuta chi lo guarda ad avvicinarsi alla realtà dei ragazzi disabili e afflitti da gravi patologie.

Questo percorso nasce da un’idea di Riccardo Denaro, digital creator e regista di Elive, la start-up specializzata in tecnologie all’avanguardia, fra cui realtà aumentata, virtual tour e riprese a 360 gradi. Perchè, per realizzare un progetto del genere, è necessario servirsi di tutte le tecnologie possibili per descrivere a pieno la complessità del mondo dei ragazzi affetti da disabilità. “Gli adolescenti – racconta Riccardo Denaro – hanno urgenza di raccontare e raccontarsi“.

Verso il cortometraggio

Come si è soliti dire, ciò che conta non è la meta quanto il viaggio. Viaggio che durerà fino alla primavera del 2023, quando le riprese video saranno realizzate per essere proiettate in anteprima assoluta al Giffoni Film Festival, in programma dal 20 al 29 luglio 2023. Questa però è solo la fase finale del progetto, che sarà preceduta dal laboratorio di Storytelling. Elive, in collaborazione con FMRI (Federazione Malattie Rare Infantili), ha programmato una serie di appuntamenti settimanali dove i ragazzi scopriranno come costruire una storia, i personaggio e il loro contesto psico-sociale, la location e le varie tecniche per realizzare il cortometraggio. Insieme all’aiuto di esperti e di ospiti speciali, creeranno la sceneggiatura verso fine novembre.

@inostrisogni Il secondo laboratorio consiste nello sviluppo di uno storyboard! 🤩 #inostrisogni #fyp ♬ Creative – Smile

Ci leggiamo presto!

Entra a far parte del nostro canale Telegram!

Ogni giorno news, riflessioni, approfondimenti e tanto altro in esclusiva per la nostra community.

Avatar photo
Quando ero piccola non avevo un diario segreto, ma almeno una decina: le storie da raccontare sono da sempre state troppe. A volte basta davvero poco per chi scrive: un minuscolo dettaglio può diventare un racconto incredibile. E io cerco di scovare i dettagli più interessanti. Aspirante giornalista pubblicista. Nel tempo libero, studio legge e scrivo racconti sugli amici di sempre.