I migliori rebranding di marzo 2023

Avatar photo
6 Aprile 2023
Tocca mettersi comodi

Grandissime novità nel mondo del food, così come New York che decide di stravolgere la propria identità visiva, ormai vecchia di mezzo secolo.

Le prime giornate di primavera hanno già lasciato il segno nel mondo del design. Prima Pepsi, con un’incredibile presentazione della propria identità visiva aggiornata, seguita a ruota da Nesquik, che rivede anche l’immagine di Quicky, e dalla città di New York, non esente da critiche. Ecco qui i migliori rebranding di marzo 2023.

Rebranding di Pepsi

Vecchio logo
Nuovo logo

Pepsi rivede la propria brand identity per la prima volta in 14 anni, svelando un nuovo logo e un rinnovato design system, interamente progettati dall’ufficio design interno a PepsiCo, diretto da Mauro Porcini.

Il nuovo logo di Pepsi pesca dal glorioso passato del brand alcuni elementi caratteristici, rinnovati e rimodernati. Ritorna il Pepsi Globe, ora riportato sul piano orizzontale, che contiene il wordmark Pepsi, ora maiuscolo e di colore nero. L’unione dei due elementi riporta istantaneamente alla memoria un vecchio storico logo del brand, utilizzato a partire dagli anni Cinquanta. Il wordmark ribalta completamente lo stile rispetto al precedente, presentandosi ora in maiuscolo e di un colore nero profondo, oltre che di un peso e spessore notevoli.

Una declinazione OOH del logo Pepsi | Credits: PepsiCo

Nell’operazione di rebranding globale, l’ufficio design di Pepsi ha svelato anche una nuova typeface personalizzata, di cui non conosciamo ancora i dettagli, una nuova silhouette per le lattine e un nuovo elemento collaterale al pittogramma, chiamato Pepsi pulse, delle onde di propagazione colorate che serviranno da sfondo al logo in alcune applicazioni. A completare l’opera una nuova palette colori, dove naturalmente dominano il rosso, invariato, il bianco e il blu, ora più intenso e profondo. Gli storici colori del brand hanno subito un lieve cambiamento di tonalità, per meglio adattarsi ai touchpoint digitali.

Il nuovo design vedrà il suo debutto già nel corso di questo 2023, dapprima nei mercati USA e Canada, per poi estendersi in tutto il mondo a partire dal 2024: un ottimo lavoro nel complesso, egregiamente presentato facendo leva su alcuni visual di grandissimo impatto. Non vediamo l’ora di poterlo vedere dal vivo!

Se volete scoprire di più, abbiamo approfondito il rebranding di Pepsi in un articolo dedicato.

Rebranding di NIQ

Vecchio logo
Nuovo logo

Nielsen IQ, piattaforma leader globale nella consumer intelligence, ha presentato la sua nuova corporate identity, trasformandosi ora in NIQ. Il rebranding completa, di fatto, la separazione dalla parent company Nielsen, avvenuta nel 2021, 

Il nuovo logo della compagnia, un wordmark maiuscolo e geometrico ma dai tratti arrotondati, debutta insieme a una nuova palette colori studiata appositamente per facilitare la riconoscibilità del brand all’interno dei tool disponibili agli utenti, principalmente piattaforme di data visualization.

Un buon lavoro nel complesso, che rimoderna il look and feel di una realtà davvero importante nel settore della raccolta dati, capace di rinnovarsi ancora una volta a cento anni dalla prima fondazione.

Quanto ci segui da 1 a Instagram?

Ogni giorno sui nostri social media pubblichiamo notizie esclusive che non puoi trovare sul sito. News, pills, stories e sondaggi per aiutarti a comprendere sempre meglio il mondo del marketing e della pubblicità! Ti basta scegliere a quale canale sei più affezionato e cliccare qui sotto.

Rebranding di I❤️NY

Vecchio logo
New York
Nuovo logo

Cambia storico lo brand di New York City che accompagna la Grande Mela da oltre cinquant’anni, disegnato dalla penna di Milton Glaser, per ridare alla città un senso di comunità e unione: ecco il debutto di WE❤NYC.

Il nuovo logo, un wordmark monocromatico, si presenta ora maiuscolo e asimmetrico, con l’emoji del cuore che “spagina” rispetto al copy. La scelta di utilizzare il simbolo dell’emoji anziché un cuore bidimensionale si lega al rinnovato concetto di un’icona morbida e tridimensionale, in grado di abbracciare l’intera città di New York e tutti i suoi abitanti, un concetto ben espresso nella campagna di lancio del nuovo logo. Debutta anche una nuova typeface personalizzata, rinominata New York Line.

Stravolgere loghi storici e iconici, come quello di I❤️NY è sempre un grande rischio, specialmente se, come in questo caso, diventa un vero e proprio marchio a sé stante. Il lancio di questo nuovo logo ha provocato emozioni miste negli addetti ai lavori, ma non solo, registrando anche sconcerto nella cittadinanza. In ogni caso graficamente resta un buon lavoro, nonostante l’asimmetria, che tra l’altro non sostituirà lo storico logo, affiancandolo in una campagna attiva per i prossimi nove mesi.

Se volete scoprire di più, abbiamo approfondito il rebranding di I❤️NY in un articolo dedicato.

Restyling di Nesquik

Vecchio logo
Nuovo logo

Il celebre cacao in polvere Nesquik, amato da tutto il mondo, ha recentemente rivisto il proprio logo, affidando il design al premiato studio internazionale FutureBrand.

Il nuovo logo riprende totalmente il precedente, con una leggera variazione d’asse che riporta il wordmark perfettamente ordinato, allineato con il piano orizzontale, senza però alterare il font. FutureBrand, per il marchio di proprietà di Nestlé, ha ideato anche una nuova typeface personalizzata rinominata Nesquik Sans, un sans serif dallo stile giocoso e asimmetrico che ben si sposa con il tone of voice del brand. Ridisegnato anche Quicky, la celebre mascotte di Nesquik, che ora appare con uno stile più digitale e meno cartoon, perfettamente in linea con la volontà di attualizzare e rimodernare lo storico marchio.

Il nuovo design di Quicky | Credits: Nestlé

Un ottimo lavoro nel complesso, oltretutto presentato con dei visual di altissima fattura. Particolare attenzione alla typeface, dettaglio non scontato, e all’apparenza della mascotte, che con questo nuovo look in grafica digitale appare più moderno che mai!

Restyling di US Army

Vecchio logo
Nuovo logo

L’esercito americano ha presentato la sua nuova brand identity, affidando l’operazione di restyling allo studio Siegel+Gale.

La stella, icona centrale in tutte le versioni del logo dell’organizzazione statunitense, oltre che storico simbolo militaresco utilizzato in tutto il mondo, “esce” finalmente dalla cornice che la conteneva, allineandosi al logotipo. Il wordmark, anch’esso modificato, si presenta ora con una maggiore spaziatura e un peso aumentato, per favorirne la leggibilità.

Un notevole passo avanti per l’identità visiva dell’esercito americano, che smette di assomigliare al logo di Rockstar Games, complice anche la gamma cromatica. Un ottimo lavoro dello studio Siegel+Gale, che da sempre fa della semplicità il suo cavallo di battaglia.

Restyling -forzato- di Toblerone

Il nuovo packaging di Toblerone | Credits: Bulletproof

Un fatto curioso ha coinvolto Toblerone, che ha presentato il suo ultimo rebranding non più tardi della scorsa estate. Mondelez, brand proprietario di Toblerone, starebbe infatti spostando la produzione di cioccolato al di fuori dei confini svizzeri, più precisamente in Slovacchia, e secondo la legge svizzera, che tutela il brand Swiss Made, Toblerone si vedrà costretta a rimuovere il monte Cervino (Matterhorn in tedesco, ndr.) dal proprio packaging, forzando di fatto un nuovo rebranding. Il nuovo packaging, infatti, introdurrà una silhouette montuosa generica al posto della celebre vetta che segna il confine tra Svizzera e Valle d’Aosta.

Un prodotto, infatti, per essere considerato Swiss Made e potersi fregiare di icone legate al paese elvetico, dev’essere composto per almeno l’80% da materie prime provenienti dal territorio svizzero. Spostando la produzione al di fuori dei confini questa percentuale verrà inevitabilmente alterata.

Co-Branding di Heinz e Absolut

Due visual della campagna | Credits: Heinz

Heinz e Absolut hanno deciso di riportarci indietro nel tempo, più precisamente nei gloriosi anni Ottanta, presentando al pubblico una salsa al pomodoro e vodka (citofonare Ugo Tognazzi per informazioni, ndr.).

La linea di vasetti di salsa al pomodoro è arricchita da un’etichetta recante i loghi dei due brand, egregiamente uniti a formare il payoff della campagna, #absolutelyheinz.

Se volete approfondire, abbiamo parlato approfonditamente della campagna di Heinz e Absolut in un articolo dedicato.

Entra a far parte del nostro canale Telegram!

Ogni giorno news, riflessioni, approfondimenti e tanto altro in esclusiva per la nostra community.

Anche il mese di marzo non ci ha lasciati a bocca asciutta in fatto di rebranding. Al contrario dello scorso anno, dove già si delineava una radicale tendenza al minimalismo grafico, nei primi mesi di questo 2023 ci risulta ancora difficile prevedere quale stile catturerà la scena, anche se ci sembra quasi di scorgere qualche accenno di vintage. Non ci resta che darci appuntamento al prossimo mese, per scoprire quali brand rivedranno la propria identità visiva nel corso di aprile.

Ci leggiamo presto!

A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO