|

Barilla Love, la pasta a cuore bella e impossibile

Avatar photo
23 Gennaio 2023
Praticamente uno snack

Barilla Usa lancia una posta a forma di cuore Love che ha già conquistato curiosità ed ammirazione sui social. Per gli italiani, però, sarà quasi impossibile ottenerla

Non fai in tempo ad innamorartene che già ti ha deluso. Barilla per San Valentino si inventa la pasta “Love” a forma di cuore ma sarà praticamente impossibile riuscire ad averla sulle nostre tavole. Il nuovo formato, infatti, è pensato specificatamente per un concorso a premi rivolto principalmente agli americani. Ci mancherebbe: a crearlo è stata Barilla America e rappresenta qualcosa di singolare in 144 anni di storia del brand.

Il packaging della pasta Love elaborata da Barilla

Una pasta ispirata ai mezzi rigatoni

Anzitutto la tecnica. La pasta Love è ispirata ai mezzi rigatoni, uno dei formati più amati dai consumatori. Elemento che, in realtà, è pure di poco conto per un’edizione a tiratura limitatissima. Una tipologia capace di assorbire il sugo ma su cui nutriamo qualche dubbio relativamente al buco molto largo. Senza girarci intorno difficilmente drenano la salsa come i mezzi rigatoni.

La pasta Barilla in una foto direttamente sulla tavola

Come fare a ricevere Barilla Love?

Come fare, però, a riceverla? Per un italiano è pressoché impossibile. È necessario, infatti, compilare un modulo di contatto inserendo una residenza statunitense e condividendo il modo con cui Barilla ci avvicina alle persone che amiamo. Sostanzialmente dando i nostri dati e qualche idea per buoni spunti emozionali. In palio anche un viaggio per due persone con tappe a Firenze e Parma (il che rende abbastanza evidente come il target non sia esattamente italiano). Bello quindi il cuore ma l’amore per l’Italia, ecco, si poteva dimostrare portandolo anche alle nostre latitudini.

Ci leggiamo presto!

Entra a far parte del nostro canale Telegram!

Ogni giorno news, riflessioni, approfondimenti e tanto altro in esclusiva per la nostra community.

Avatar photo
Dicono che io faccia il giornalista ma in realtà inseguo solo da sempre la mia curiosità. Sollazzo e affanno perpetui. Ogni racconto ha il suo vestito: cerco di tagliarlo e cucirlo rendendogli semplicemente onore. Ironia e capacità di non prendersi troppo sul serio sono due bussole che tendo a non lasciare fuori dalla mia bisaccia.