Louis Vuitton, lo spot di Natale è un concentrato di tenerezza in una palla di vetro

Avatar photo
15 Novembre 2022
Il tempo di un caffè
+ -

La campagna natalizia mette in risalto gli accessori che hanno fatto grande la maison attraverso la storia d’amore delle due mascotte

Manca più di un mese a Natale ma siamo già stati immersi nel clima festivo dalle numerose campagne che i brand declinano sul tema. Pur essendo un periodo molto ricco a livello produzione rimane, per il settore dell’adv, un rischio molto grosso non cadere nel banale. Riuscire a non confezionare spot natalizi pieni di cliché o immagini già viste è una vera e propria sfida di creatività. Il marchio di lusso Louis Vuitton si mette in scia delle aziende che stanno già pensando al Natale e racconta di una storia d’amore.

Dentro il sogno di Louis Vuitton

La vicenda però non è riferita agli esseri umani, che compaiono più sullo sfondo della narrazione, ma alle due celebri mascotte della maison di lusso francese. Si tratta dell’orsacchiotto di peluche e di Vivienne, la mascotte dalle forme floreali. Tutta la storia non è altro che un inseguimento tra paesaggi surreali e sfondi natalizi, dove via via appaiono i prodotti più iconici del brand: dagli storici bauli fino ai gioielli e gli accessori, passando ovviamente dalle più note borse e dai profumi. L’orsacchiotto si lancia nella corsa verso l’amata Vivienne tra montagne innevate e roseti, che altro non sono i mondi all’interno contenitori di vetro che vediamo nei primi frame dello spot, appoggiati sul camino dell’abitazione.
Quando ormai Vivienne pensa di essere al sicuro in questo gioco tra amanti ecco che appare l’orsetto e il tutto si risolve in un abbraccio.

A riportarci alla realtà ci pensa l’apparizione di un bambino, intento a fissare il contenitore di vetro: è a questo punto che finalmente ci rendiamo conto che tutto era frutto della sua fervida immaginazione, capace di creare mondi diversi e personaggi che li abitano. Ridestato dall’arrivo degli adulti dal suo sogno a occhi aperti lo vediamo riporre in fretta l’oggetto, come se gli fosse proibito toccarlo. I fan più attenti avranno notato che ci troviamo nella celebre casa-atelier di Asnières-sur-Seine, dove lo stilista trasferì la sede della sua azienda all’inizio del mito. Attraverso la tecnica dello zoom-out il regista ci induce a guardare l’abitazione dove si muovevano i nostri personaggi all’interno di una nuova palla di vetro, trovandoci ancora a non distinguere più tra sogno e realtà.

Lo short film è stato girato dal pluripremiato regista Gary Freedman, autore di campagne come “Emperor” per Canal+ o di “Wonderful Life” per Ikea, in collaborazione con la casa di produzione La/Pac. Il ricorso del regista all’escamotage della palla di vetro non è di certo l’idea più originale, soprattutto per le campagne natalizie. Anzi c’è una lunga tradizione di spot commerciali, a partire da Coca-Cola fino ad arrivare all’ultima campagna natalizia Amazon che adoperano il trucco del contenitore di vetro per creare mondi diversi in cui strutturare il racconto. L’idea del regista riesce però a raccontare in uno spot da 60′ una commedia romantica dal sapore onirico in cui lo spettatore si perde, mettendo in risalto la storia della maison scandita dai dettagli di tutti i suoi prodotti iconici.

Ci leggiamo presto!

Entra a far parte del nostro canale Telegram!

Ogni giorno news, riflessioni, approfondimenti e tanto altro in esclusiva per la nostra community.

Image credits cover: Louis Vuitton

Avatar photo
La Gazzetta del Pubblicitario è una realtà nata nel 2019 dalla voglia di raccontare storie creative legate a brand di successo, o piccole realtà che con un’idea si sono fatte strada tra il grande pubblico: un telescopio puntato verso il mondo pubblicitario, che proverà ad analizzare le parti più interessanti del processo creativo che portano ad una campagna di successo.

Potrebbe piacerti anche

+ -
Effetto wow
+ -
+ -
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie. Cliccando su rifiuta o chiudendo il banner si rifiutano tutti i cookie. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie attivare.
Cerca tra gli articoli
Control Center
Dark mode
Segnalibri
Notifiche
Cookies

Ehi lettore!

Tutte le domeniche alle 09:00 quasi 3.000 iscritti ricevono la nostra newsletter settimanale.

Cosa contiene? Un recap del meglio della settimana che potresti aver perso e 2 speciali inediti direttamente dalla nostra redazione. Un ambiente più intimo per chi vuole approfondire le tematiche dell’advertising. Unisciti a colleghi e appassionati e accompagna nel modo giusto la tua tazza di caffè.

Ti aspettiamo dentro!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!
Grazie per essere entrato nel pianeta Gazzetta! Ci leggiamo Domenica!

Ehi lettore!

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

Se ti è piaciuto l’articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra newsletter con un semplice passaggio qui sotto!

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana, ogni domenica.

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!

Focus

Ragione e sentimento, matematica e grandi intuizioni: il marketing come non ve lo hanno ancora raccontato.

Il canale di comunicazione del XXI secolo è un ecosistema sempre più vasto. Proviamo a renderlo più familiare facendo chiarezza.

Senza una punta di genio la pubblicità sarebbe solo cronaca. Fortunatamente, il mondo dell’advertising abbonda di effetti speciali, colori e grandissime menti!