|

Joe e immagini macro: torna la ricetta McDonald’s

Avatar photo
11 Gennaio 2023
Praticamente uno snack

Leo Burnett’s firma la campagna My Selection 2023 di McDonald’s puntando forte sulle immagini macro, l’italianitá e Bastianich come testimonial

Joe Bastianich e immagini macro: la ricetta di McDonald’s per la nuova campagna firmata da Leo Burnett pesca a piene mani dal repertorio più classico del brand e del food in generale. L’agenzia del Gruppo Publicis, dunque, ha lanciato  da qualche giorno la linea My Selection 2023 (quinta edizione per il format). 

Italianità prima di tutto 

Gli spot puntano sulle novità nelle ricette proposte dal fast food con My Selection Chicken Avocado & Bacon e My Selection Speck & Asiago ad affiancare l’ormai celebre Bbq. FIl rouge l’italianitá (fioccano marchi Dop e Igp) del prodotto e 180 grammi di carne bovina da allevamento italiano.Chiara la volontà di puntare sull’autenticità della produzione e sulle qualità organolettiche risvegliate nella mente dalle immagini molto ravvicinate inserite in un plot tutto sommato visto e rivisto. 

Perché Bastianich funziona

Bastianich si conferma testimonial azzeccato per la credibilità di ogni claim in inglese (e per una multinazionale è cheddar che cola) e per la sua trasversalità. Sui suoi social sarà poi autore di una serie di contenuti dedicati alla collaborazione con la emme gialla con una strategia curata da Omd. 

Un’immagine della campagna con Bastianich

La campagna 

La campagna è composta da quattro spot: uno formato lungo che riunisce tutta la gamma e tre a soggetto di 15 e 20 secondi dedicati alle singole tipologie di panino (che trovate anche in questa pagina). I registi sono due: Jacek Szymanski (specializzato in food) e William 9 che, invece, ha curato le scene in live action. Dentro ogni più piccolo sapore. 

Ci leggiamo presto!

Entra a far parte del nostro canale Telegram!

Ogni giorno news, riflessioni, approfondimenti e tanto altro in esclusiva per la nostra community.

Avatar photo
Dicono che io faccia il giornalista ma in realtà inseguo solo da sempre la mia curiosità. Sollazzo e affanno perpetui. Ogni racconto ha il suo vestito: cerco di tagliarlo e cucirlo rendendogli semplicemente onore. Ironia e capacità di non prendersi troppo sul serio sono due bussole che tendo a non lasciare fuori dalla mia bisaccia.