|

La 500 di Emma e la rosticceria di Big Mama: gli artisti si prendono Sanremo

Avatar photo
6 Febbraio 2024
Praticamente uno snack

Fioccano a Sanremo le attivazioni per gli artisti studiate dalle case discografiche. Per le strade della Città dei Fiori una vecchia 500 con il karaoke di Emma Marrone ma c’è anche la rosticceria di BigMama e l’amaro di Santi Francesi

A Sanremo continuano le attivazioni ideate dalle case discografiche per lanciare i propri artisti in gara. Nella Città dei Fiori le iniziative on field sono molteplici per avvicinare i fan e catturare qualche riflettore capace di andare anche oltre i confini liguri. Oltre alla pizzeria sottoposta a rebranding complessivo per il napoletano Geolier si moltiplicano le proposte. Universal, per esempio, ha customizzato la livrea di una vecchia Fiat 500 con le immagini di Emma Marrone equipaggiandola con evidenti altoparlanti per un karaoke itinerante dei brani più noti dell’artista. Distribuiti contestualmente dei flyer con citazioni del testo del brano “Apnea” in concorso nella kermesse. Della stessa scuderia Dargen d’Amico che questa mattina ha aperto la sua edicola dedicata al delicato tema dei viaggi in mare dei migranti in piazza Muccioli utilizzando lo stesso chiosco dove l’anno passato i ComaCose distribuirono i fiori per il loro “Addio”.

C’è poi Sony che sta presidiando con cura il territorio, a partire da una gastronomia di corso Garibaldi che è stata interamente dedicata a BigMama. Oggi è stata proprio l’artista a distribuire a passanti e fan i piatti della sua cucina con naming piuttosto originale: La Rabbia non ti Pasta (richiamando il titolo del brano in gara al Festival La Rabbia non ti Basta), Animo Buono ma Riempito d’Olio e Colpire poi Affondare. Sempre a stuzzicare il palato ci sono le boccettine di amaro realizzate per Santi Francesi (anche loro scuderia Sony) e distribuite in città. Anche qui c’è un delicato palleggio con il titolo della canzone in gara “L’Amore in Bocca”. La sensazione, comunque, è che proprio come il Festival tutto sia ancora solo all’inizio.

Ci leggiamo presto!

A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO