Speciale Elezioni 2022 – La comunicazione della Lega? È Matteo Salvini

Avatar photo
18 Settembre 2022
Tocca mettersi comodi
+ -

Inizia il viaggio de La Gazzetta del Pubblicitario nella comunicazione dei partiti verso le elezioni del 25 settembre. Nel giorno del maxi raduno di Pontida ecco l’analisi della Lega e della sua piramide costruita sul leader Matteo Salvini

A differenza della Juventus (di una volta) nella Lega vincere potrebbe non essere l’unica cosa che conta alle prossime elezioni del 25 settembre. Che il centrodestra parta con un discreto vantaggio lo hanno detto i sondaggi ma la distribuzione dei voti all’interno della coalizione, come sempre, è tutto meno che un dettaglio. La comunicazione elettorale segue, chiaramente, questa doppia necessità: andare a governare e farlo con i numeri più alti possibili. Specie con una Giorgia Meloni che galoppa sul destriero di Fratelli d’Italia (sempre ascoltando i sondaggi). Ecco, dunque, che il target per la Lega è sempre lo stesso (gli elettori, possibilmente quelli più di pancia) ma i competitor da cui guardarsi si moltiplicano. Con tutti i vizi e le virtù di un partito fortemente piramidalizzato sulla figura del leader Matteo Salvini.

Parlare agli italiani è la priorità della Lega

IL PARTITO POLITICOLEGA NORD? ORA CONTA LA STRADA PER LA LEGA

Come comunica la Lega? Se vogliamo è l’analisi meno sorprendente di quelle che La Gazzetta del Pubblicitario vi andrà proponendo in questi giorni. Come si rivolge ai cittadini la Lega è abbastanza noto: diretta, senza fronzoli, a tratti viscerale. L’idea è sempre quella di un partito di strada e sulla strada lo devi trovare: nei mercati, nei rioni, nelle piazze e, naturalmente, sui prati di Pontida. Un raduno che, a livello di calendario, quest’anno è caduto perfettamente a fagiolo (oggi).

I temi sono quelli che toccano l’epidermide più esposta: la sicurezza, l’immigrazione e i costi per le piccole aziende prima di tutto. Il tutto, ci ripeteremo spesso, completamente convergente sulla figura di Salvini e ormai assolutamente divergente dalle radici padane (il Nord di Lega Nord è già sepolto da un pezzo). Operazione avviata da un po’ ma ancora complicata in alcune occasioni più legate al passato proprio come Pontida. Gli slogan secessionisti si possono anche cancellare da social e manifesti ma le bandiere dei singoli continuano ad urlare certe posizioni originarie.

IL LEADER – MATTEO SALVINI, L’OCEANO DELLE PIAZZE E IL DESERTO DEI CARTELLONI

Atterriamo così sul pianeta della comunicazione offline della Lega che poggia su due pilastri costitutivi della politica da sempre: i comizi e i cartelloni elettorali. I primi sono il feudo totale del leader Salvini che ha avviato un tour italiano toccando centinaia di piazze italiane dai capoluoghi ai paesi. Qui la comunicazione del leader è nota: piglio da protagonista trascinatore ma mai lontano dal suo pubblico. Il palco del Carroccio è sempre liquido: c’è il Salvini che parla dal palco e quello che sorride per il selfie tra chi guarda lo stesso palco. Senza soluzione di continuità. La filosofia della felpa è sempre viva e presente (anche se meno urlata a livello di vestiario come in passato).

Il blitz di Salvini a Lampedusa

Il Capitano (epiteto non casuale, primus inter pares e non primus e basta) è il carro trainante di tutti i candidati dei singoli collegi. Proprio qui casca un poco l’asino (o il veneto musso) perché la differenza tra Salvini e i candidati territoriali veri e propri è spesso oceanica in termini di efficacia. Il cono d’ombra auto creato è potente e lungo: rischia di essere un autogol se la forza trainante del leader dovesse frenare anche solo un poco in cabina elettorale. I manifesti Out Of Home (sì esistono ancora) si concentrano principalmente sui locali ma pagano la progressiva desertificazione dei partiti. Chiunque li utilizzi campeggia molto spesso su tabelloni grigi comunali mezzi vuoti restituendo una situazione di solitario degrado: l’esatto opposto del bagno di popolo che si cerca. Manifesti sempre molto utili, però, quando vengono vandalizzati: pretesti perfetti per tornare a scaldarsi le mani sul cantuccio della polarizzazione.

LA COMUNICAZIONE ONLINEPOLARIZZAZIONE E CAPITANO: LA LEGA CAMBIA SOLO I COLORI

Il profilo ufficiale Facebook delle Lega si chiama Lega – Salvini Premier. Quello Instagram legaofficial ma emerge su Google come Salvini Premier. Ormai è chiaro anche a voi il Salvinocentrismo che troviamo anche (e soprattutto) nella comunicazione social. In questi giorni tutto è molto improntato sul raduno di Pontida: megafono assoluto anche sulle piattaforme. I moltiplicatori, in questo caso, sono i militanti che partecipano: quanto costerebbe pagare migliaia di influencer per pubblicare immagini autentiche di popolo adorante Salvini e il Carroccio nel suo “stadio”? Molto più di organizzare Pontida.

Il resto è la cronaca curata degli spostamenti in Italia di Salvini, delle interviste televisive di Salvini, delle provocazioni a Salvini (God saves polarization) e delle proposte di Salvini. Tutti messaggi, comunque, immediatamente comprensibili: non a caso le punte di diamante sono flat tax e taglio dell’Iva. Concetti economicamente semplici e di velocissimo calcolo per chiunque abbia a che fare un minimo con le tasse. Occhio, infine, ai colori: addio al verde e spazio al giallo e blu. Per sommissimi capi di neuromarketing il giallo è generalmente legato all’ottimismo e il blu alla fiducia. Il verde? Rimandi emotivi alla pace e alla serenità: non il massimo per chi ha un guerriero militare (Alberto da Giussano) come simbolo.

A livello di numeri la pagina Lega Salvini Premier (1,2 milioni di follower su Facebook e 319.000 su Instagram) contiamo 25.000 euro su un post comparativo sugli sbarchi in Italia durante il governo con Luciana Lamorgese agli interni e quelli registrati quando al ministero sedeva Salvini. Anche qui a pagare è la polarizzazione con un target orientato sulle persone over 45 principalmente delle regioni più popolose come Lombardia e Lazio oltre a Campania e Sicilia (dove gli sbarchi vengono anche vissuti in prima linea).

LA COMUNICAZIONE OFFLINEQUEL “CREDO” DALLA’ECO RELIGIOSA

Televisioni e giornali sono la riserva di caccia preferita di Salvini. Ha presa sui giornalisti, crea audience ed è capace di creare quello scontro ideologico che tanto piace al pubblico (o forse più ai presentatori). Nei banner digitali delle testate e negli spot il mantra è, invece, quello del “Credo”. Quasi religioso? Beh, di sicuro in Italia un movimento di grande estrazione popolare non può certo essere anti-cattolico. “Credo negli italiani” (e nelle sue accezioni regionali Credo nei lombardi, nei laziali eccettera) rovescia il senso di responsabilità sugli elettori: tocca a voi avere il coraggio di girare alle spalle a questo Credo. La stessa parole che pronunciate in chiesa.  Il resto lo fa l’occupazione militare degli spazi televisivi e di cronaca: tecnica rincorsa ed utilizzata un po’ da tutti. La televisione pagherà anche il declino rispetto alle piattaforme ma rimane una miniera d’oro (forse ancora la maggiore, con tanti saluti ai social) per chi caccia i voti.

Lo spot Credo

LA LEGA È SALVINI?

“Voto/non voto la Lega perché amo/non sopporto Salvini”. Quanti di voi hanno sentito, almeno una volta, questa frase? Bene, in entrambe le sue accezioni è il capolavoro di due strategie comunicative intrecciate: l’accentramento totale sul leader e la creazione di un mondo manicheo per cui puoi essere contro o a favore ma non indifferente (e gli indifferenti, i non votanti e gli indecisi sono sempre il vero target dei politici, non gli avversari). Salvini ha 5 milioni di follower su Facebook e 2,1 milioni su Instagram (entrambi superiori al partito) e si dedica a comparsate pure su Tik Tok dove non gli riesce difficile un piglio giovanile (che è anche naturale, va detto). Su Meta gli investimenti promozionali del capo partito sono stati di 60.115 euro quando dai profili della Lega si arriva a circa 6.000 euro. In termini economici il volto del Capitano vale dieci volte la Lega. A livello comunicativo anche di più. Molto di più. Nel bene e/o nel male.  

Ci leggiamo presto!

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle quarantamila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Avatar photo
Dicono che io faccia il giornalista ma in realtà inseguo solo da sempre la mia curiosità. Sollazzo e affanno perpetui. Ogni racconto ha il suo vestito: cerco di tagliarlo e cucirlo rendendogli semplicemente onore. Ironia e capacità di non prendersi troppo sul serio sono due bussole che tendo a non lasciare fuori dalla mia bisaccia.

Potrebbe piacerti anche

+ -
+ -
+ -
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie. Cliccando su rifiuta o chiudendo il banner si rifiutano tutti i cookie. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie attivare.
Cerca tra gli articoli
Control Center
Dark mode
Segnalibri
Notifiche
Cookies

Ehi lettore!

Tutte le domeniche alle 09:00 quasi 3.000 iscritti ricevono la nostra newsletter settimanale.

Cosa contiene? Un recap del meglio della settimana che potresti aver perso e 2 speciali inediti direttamente dalla nostra redazione. Un ambiente più intimo per chi vuole approfondire le tematiche dell’advertising. Unisciti a colleghi e appassionati e accompagna nel modo giusto la tua tazza di caffè.

Ti aspettiamo dentro!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!
Grazie per essere entrato nel pianeta Gazzetta! Ci leggiamo Domenica!

Ehi lettore!

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

Se ti è piaciuto l’articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra newsletter con un semplice passaggio qui sotto!

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana, ogni domenica.

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!

Focus

Ragione e sentimento, matematica e grandi intuizioni: il marketing come non ve lo hanno ancora raccontato.

Il canale di comunicazione del XXI secolo è un ecosistema sempre più vasto. Proviamo a renderlo più familiare facendo chiarezza.

Senza una punta di genio la pubblicità sarebbe solo cronaca. Fortunatamente, il mondo dell’advertising abbonda di effetti speciali, colori e grandissime menti!