|

Super Bowl 2023: quest’anno si sfiorano i 7 milioni per uno spot. Ecco la panoramica

Avatar photo
9 Gennaio 2023
Il tempo di un caffè

Il 12 febbraio torna l’attesissimo spettacolo del Super Bowl, giunto alla sua 57a edizione. Nonostante il periodo storico non proprio dei migliori lo show continua a riscuotere successo tra gli inserzionisti: il blocco da 30” vale ben 7 milioni di dollari!

Manca ancora poco più di un mese a uno degli eventi sportivi più coinvolgenti e attesi del mondo, e non solo oltre oceano. Il Super Bowl rappresenta il momento conclusivo della stagione di NFL, una partita che assegna il titolo di campione alla migliore squadra di football della lega professionistica americana. L’importanza di tale manifestazione sportiva si riconosce anche dal valore economico che i brand sono disposti a pagare per poter essere presenti con i loro spot per soli 30”.

Già alla fine di settembre del 2022 il broadcaster Fox, distributore dell’evento, aveva fatto sapere che il 95% della disponibilità dei blocchi pubblicitari era stato venduto e che rimanevano ancora pochi spazi per poter essere rappresentati durante la finale. Se l’anno scorso, nonostante la crisi pandemica fosse tutt’altro che terminata, gli spazi sono stati venduti per una cifra intorno ai 6,5 milioni di dollari ciascuno, quest’anno il costo dovrebbe aggirarsi intorno ai 7 milioni, con un nuovo incremento. Neanche l’inflazione può fermare l’appetibilità di questo evento planetario.

In attesa di conoscere il dato sugli spettatori che assisteranno al match è importante notare che nell’edizione LVI del 2022 si è registrata una risalita rispetto ai 96,4 milioni dell’anno precedente. Secondo i dati Nielsen la finale è stata vista infatti da 101 milioni di persone.

Super Bowl LVII
Credits: NFL

Il sondaggio TMA: gli spot valgono la partita

Si capisce ancora di più l’importanza che questo spazio pubblicitario ha per gli inserzionisti guardando i dati di un sondaggio condotto dall’agenzia creativa TMA, società di proprietà di Omnicom Group, che ha intervistato un gruppo rappresentativo di oltre 1000 persone provenienti da diverse aree geografiche e di differente sesso ed etnia. Ed è così che scopriamo che gli spettatori guardano allo stesso modo l’evento per la gara, così come per scoprire in che modo i brand hanno deciso di raccontarsi in soli 30”. Inoltre più della metà di loro preferisce gli spot che riescano ad intrattenerli e divertirli. Solo un terzo invece vorrebbe vedere l’humor come protagonista delle campagne dei marchi preferiti.

Dal sondaggio si ricavano altri dati interessanti per gli inserzionisti. Anzitutto i brand saranno felici di sapere che l’81% degli intervistati ha affermato di non perdere interesse nella pubblicità man mano che la partita va avanti. Questo significa che la posizione di comparizione in fondo non è poi così importante. Inoltre i consumatori riferiscono che siano più propensi ad acquistare un prodotto o testare un servizio se questo è stato sponsorizzato da una celebrità. Soprattutto i più giovani, appartenenti alla Gen-Z, hanno dichiarato di voler vedere i propri idoli e gli influencer che popolano i loro feed sui social media negli spot del Super Bowl.

Alcune novità

L’edizione di quest’anno porta alcune novità. Come vi avevamo già raccontato, a partire da questa finale Apple sostituirà Pepsi nella figura di main sponsor della competizione, grazie a un accordo pluriennale che secondo alcune voci si aggira tra i 40-50 milioni di dollari. Inoltre il 2023 segna il ritorno di un brand che eravamo abituati a vedere all’interno del palinsesto. Dopo aver effettuato un profondo rebranding in termini di inclusività e aver introdotto un nuovo personaggio, M&M’s si riaffaccia sulla scena con uno spot costruito in sinergia con l’agenzia creativa BBDO New York. Come madrina dell’evento per l’attesissimo show dell’half-time sarà presente Rihanna in quello che rappresenta un vero e proprio secondo debutto dopo 6 anni dall’ultima esibizione.

Ci leggiamo presto!

Entra a far parte del nostro canale Telegram!

Ogni giorno news, riflessioni, approfondimenti e tanto altro in esclusiva per la nostra community.

Image credits cover: NFL

A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO