|

Guida Stipendi 2023 nel settore creativo: paghe stabili ma contano anche i benefit

Avatar photo
20 Gennaio 2023
Il tempo di un caffè

Il report annuale evidenzia il presente e il futuro del settore creativo, tecnologico e marketing, tra salari, prospettive di carriera e aspettative dei professionisti

Torna la Guida Stipendi di Crebs, la piattaforma che fa da ponte tra aziende e professionisti per la ricerca del lavoro e dei migliori talenti nel settore creativo, tecnologico e marketing, con l’obiettivo di aggiornare e migliorare la conoscenza nel campo. Il report annuale – creato dai risultati ottenuti da un sondaggio anonimo – vuole essere di supporto per professionisti e aziende, indagando l’andamento degli stipendi, le opinioni dei lavoratori e le questioni che interessano da vicino il settore. Ecco i risultati che Crebs ha presentato per il 2023.

Oggi e domani: dove sono i talenti?

Dove lavorano i talenti del settore della creatività? Secondo la Guida Stipendi 2023, la maggior parte dei professionisti è occupata nelle agenzie di pubblicità (21,6%), nelle digital agency (20,5) e in aziende o presso i clienti (19,3). Il 12,3% dei talenti di questo settore lavora, invece, nelle agenzie di branding e design, mentre il 7 nelle startup innovative e il 16,4 in altri contesti. Infine, soltanto il 2,9% si occupa di consulenza. Se questa è la situazione attuale, per il futuro si prevede una radicalizzazione dei posti di lavoro: infatti, secondo il sondaggio, il 41% di professionisti si vede lavorare in agenzia e il 40,4 in-house o presso i clienti, mentre altri contesti rientrano nel restante 18,6. Un argomento di rilevanza è stato senza dubbio il lavoro da casa: il 32,2% dei rispondenti lavora più di due volte a settimana da remoto, a fronte di un 24 che invece è sempre in ufficio, mentre soltanto il 4,7 è sempre a casa.

Gli stipendi

Il 2023 registra per Crebs un andamento pressocché stabile negli stipendi: per il 57,3% dei partecipanti al sondaggio è rimasto uguale, mentre si sono registrati aumenti di più del 10% (nel 16,4% dei rispondenti), meno del 5 (9,9) e più del 25 (8,2). Solo il 6,4% ha visto un aumento al di sotto del 10%, mentre sono inferiori le percentuali dei tagli: gli stipendi sono diminuiti più del 10% nell’1,2% dei casi e meno del 10% nello 0,6. Nella classifica degli stipendi, i più alti sono quelli delle figure del Creative director nel settore Creative and design, del Marketing director per il Marketing, dell’Head of Strategy (Strategy and planning), dell’Head of /CTO nell’ambito Technology, del Senior PM/Producer (Client services, production and project management) e dell’Head of Social per l’area Social media and content, con una media tra il 50k e più di 100k€ annui. Tra i più bassi si posizionano, invece, le figure junior e il Campaign manager per l’area Marketing.

Cosa conta per i professionisti?

Se lo stipendio è un asset fondamentale – nella Top 3 degli aspetti più importanti per i professionisti – ancor più lo sono il bilanciamento vita/lavoro e l’interesse nel lavoro svolto, rispettivamente al primo e secondo posto. Seguono, dal quarto in giù, il riconoscimento professionale, il progresso di carriera, la cultura aziendale e i corsi di training. Tra i benefit più importanti spiccano quasi parimerito l’orario flessibile e lo smartworking, seguiti da formazione, bonus e lavoro da remoto. Mediamente importanti sembrano ticket restaurant, assicurazione medica privata, conferenze ed eventi offerti e più giorni di ferie, mentre ricorrono meno la pensione privata, il telefono aziendale e la palestra.

Per cosa cambiare lavoro?

Se sopra compaiono gli aspetti più importanti nell’attuale luogo di lavoro, i motivi di cambiamento mettono in luce le necessità dei professionisti per questo 2023: l’aumento di stipendio si posiziona al primo posto, seguito dal progresso nella carriera e dal riconoscimento professionale. Seguono il bilanciamento vita/lavoro, la possibilità di avere nuovi stimoli e la cultura aziendale, mentre agli ultimi posti ricorrono gli orari flessibili e l’offerta di corsi e training.

Ci leggiamo presto!

Ehi lettore!

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

Se ti è piaciuto l’articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra newsletter con un semplice passaggio qui sotto!

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana, ogni domenica.

Cliccando su Iscriviti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO