Il menu? Il fast food lo propone “leggendo” i tuoi tratti somatici

Avatar photo
28 Settembre 2022
Praticamente uno snack
+ -

Raydiant ha elaborato un software per la segmentazione dei clienti attraverso l’osservazione e lo studio delle caratteristiche fisiche

L’algoritmo si sposta nel mondo fisico grazie all’intelligenza artificiale. È la tendenza che si sta affermando in particolare nel settore della ristorazione con la novità del fornitore di attrezzature per negozi di San Francisco, Raydiant: profilare i clienti attraverso gli schermi dei menu nei fast-food. E se questa può sembrare una cosa già vista, la vera novità sta nel meccanismo per la segmentazione: l’individuazione di caratteristiche del viso come le rughe.

Customer experience e vendite: obiettivi paralleli

Può sembrare distopico, ma la compagnia californiana ha elaborato un software basato proprio sull’intelligenza artificiale per rilevare informazioni sui clienti – età, genere, ma anche ora del giorno in cui si trovano – osservandoli mentre scelgono il menu sugli schermi dei fast-food, per creare una profilazione delle varie categorie di persone e suggerire prodotti personalizzati sulla base delle caratteristiche evidenziate. Due gli obiettivi che muovono il progetto: garantire una customer experience migliore e personalizzata e far aumentare le vendite ai ristoranti.

Oltre l’esempio di McDonald’s

Precursore della profilazione e personalizzazione nel settore della ristorazione è di sicuro McDonald’s, che già negli anni passati aveva scelto l’intelligenza artificiale nel tentativo di garantire ai clienti un servizio migliore e permettere di personalizzare gli ordini. Attraverso i predictive analytics e il machine learning, la più nota catena di fast-food vuole sfruttare le informazioni sulle abitudini dei consumatori per gli stessi obiettivi: migliorare le vendite e offrire un’esperienza migliore. Con il nuovo software, Raydiant fa un passo avanti nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale, profilando non solo i clienti in base agli acquisti passati, ma segmentandoli proprio attraverso l’osservazione e l’analisi dei tratti del viso.

Il dibattito

La questione non lascia di certo fuori implicazioni etiche: tra chi definisce il software inquietante e chi denuncia il rischio di creare bias o stereotipi di genere, il problema principale riguarda soprattutto la privacy e il potere della pubblicità nel settore del cibo, in particolar modo per i fast-food. Ma, rassicura il CEO di Raydiant Bobby Marhamat, i dati sono raccolti e processati in maniera anonima, garantendo la privacy e ribadendo l’efficacia in termini di esperienza. Resistono, però, perplessità su quanto sia effettivamente utile e positivo suggerire i menu in base all’algoritmo, a discapito della scoperta e della novità.

Ci leggiamo presto!

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle quarantamila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Avatar photo
Come in una canzone di Venditti, vivo solo di parole. Sono costantemente alla ricerca del mio posto del mondo e, nel frattempo, scrivo per trovare me stessa. Tra Roma e Bologna, con una sosta a Milano, durante il mio percorso di studi in comunicazione d’impresa ho capito che le parole sono i mattoncini su cui cammino per seguire la mia strada e per realizzare il mio sogno: diventare una copywriter. Chissà dove mi porteranno.

Potrebbe piacerti anche

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie. Cliccando su rifiuta o chiudendo il banner si rifiutano tutti i cookie. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie attivare.
Cerca tra gli articoli
Control Center
Dark mode
Segnalibri
Notifiche
Cookies

Ehi lettore!

Tutte le domeniche alle 09:00 quasi 3.000 iscritti ricevono la nostra newsletter settimanale.

Cosa contiene? Un recap del meglio della settimana che potresti aver perso e 2 speciali inediti direttamente dalla nostra redazione. Un ambiente più intimo per chi vuole approfondire le tematiche dell’advertising. Unisciti a colleghi e appassionati e accompagna nel modo giusto la tua tazza di caffè.

Ti aspettiamo dentro!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!
Grazie per essere entrato nel pianeta Gazzetta! Ci leggiamo Domenica!

Ehi lettore!

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

Se ti è piaciuto l’articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra newsletter con un semplice passaggio qui sotto!

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana, ogni domenica.

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!

Focus

Ragione e sentimento, matematica e grandi intuizioni: il marketing come non ve lo hanno ancora raccontato.

Il canale di comunicazione del XXI secolo è un ecosistema sempre più vasto. Proviamo a renderlo più familiare facendo chiarezza.

Senza una punta di genio la pubblicità sarebbe solo cronaca. Fortunatamente, il mondo dell’advertising abbonda di effetti speciali, colori e grandissime menti!