Disney, svolta experience: 60 miliardi per la ristrutturazione dei parchi

Avatar photo
27 Novembre 2023
Silenzia il telefono

Il settore video continua a registrare perdite per Disney, che ora decide di concentrarsi sul settore experience per il quale è pronto un piano di investimenti per 60 miliardi di dollari

Sessanta miliardi di dollari investiti in 10 anni, questo il proposito di Disney sotto la guida del CEO Bob Iger, per restare al passo con i tempi che corrono e non sembrano volersi fermare. Investimenti volti a rilanciare i parchi a tema, settore fondamentale per la società, che sta passando tempi piuttosto difficili. Per quanto riguarda i ricavi dalle piattaforme di streaming sulle quali ha puntato tanto, Disney+ e Hulu, le cose non stanno andando come previsto, registrando perdite negli ultimi trimestri. Il primo passo per questo percorso di investimenti è stato compiuto, si tratta dell’inaugurazione una nuova sezione dedicata interamente al film Frozen, nel parco divertimenti Disneyland di Hong Kong.

Frozen, uno dei più grandi successi di casa Disney dell’ultimo decennio

“Negli ultimi dieci anni, il film è diventato uno dei franchise di maggior successo nella storia della Disney”, sono le parole del presidente di Disney Experiences, Josh D’Amaro, riferendosi a Frozen. Il primo film del franchise è uscito nel 2013, festeggia quest’anno il suo decennale, dopo essersi imposto come film di animazione con maggiore incasso nella storia del cinema, per poi essere spodestato dal sequel “Frozen II – Il segreto di Arendelle.

Protagonisti e ambientazione di Frozen, film Disney.
I protagonisti e l’ambientazione di Frozen

Non solo incassi da record, ma anche riconoscimenti dalla critica, tra cui l’Oscar al miglior film d’animazione e alla miglior canzone. Si tratta di “Let It Go”, canzone amata da tanti, proprio come il tenero pupazzo di neve, protagonista della pellicola, Olaf. Un successo conclamato dunque, quello su cui Disney ha avviato un franchise solido, amato da grandi e piccini.

Bob Iger lo ha definito testimonianza del potere del grande storytelling. Qualcosa alla quale Disney ci ha abituato con i suoi classici che riescono a raccontare storie complesse e trasmettere emozioni che vengono percepite sia dagli adulti che dai bambini. Frozen, infatti, racconta di quanto il dolore possa rendere gelido il cuore di una persona, di una principessa in questo caso, per poi mostrarci che l’amore ha il potere di sciogliere questo ghiaccio.

Trailer Frozen il Regno di Ghiaccio

La storia poi, esce dal film, entrando nell’immaginario collettivo e facendo sognare i bambini con il merchandise che, come sappiamo, rimane uno dei capisaldi del brand di Topolino.  

World of Frozen: il nuovo parco tematico ad Hong Kong

Ora sappiamo che non è un caso che la prima delle inaugurazioni, parte del piano di investimenti da 60 miliardi di dollari, sia proprio dedicato a Frozen. Anche il luogo scelto, Disneyland Hong Kong, non è casuale. Il piano di “ristrutturazione del business” parte, infatti, da un parco che per anni, dopo la sua apertura nel 2005, ha registrato perdite. World of Frozen, così si chiamerà l’area tematica che catapulterà i visitatori ad Arendelle, villaggio immaginario in cui si svolgono le vicende del film. Paesaggi nordici e innevati che faranno sentire i visitatori di Hong Kong in fiabeschi fiordi norvegesi. Non possono mancare le attrazioni, una montagna russa e una nave che passa attraverso le ricostruzioni delle scene più memorabili del film. In giro per l’area dedicata si potranno incontrare i fantastici personaggi della pellicola, come Olaf, Elsa e Anna.

Foto di “World of Frozen”, credit: CNBC

Già nel 2022 Disney aveva tentato di rilanciare il parco tematico di Hong Kong, con il lancio dello spettacolo pirotecnico “Momentous”, un gioco di fuochi d’artificio che meraviglia i visitatori ogni sera sopra all’iconico castello. Tuttavia, questa volta la strategia sembra poter garantire una rinascita al parco dalla sorte sfortunata.

Video di “Momentous”

Un franchise così vincente, tuttavia, non può che essere ancora più centrale nella strategia di investimenti volta a far crescere il brand di Walt Disney. Infatti, è già stato annunciato, che tra il 2024 e il 2025, vedremo inaugurata, nel parco di Parigi, una nuova attrazione chiamata “Il regno di Arendelle”, dedicata sempre a Frozen.

Disney+ e Hulu, un asset difficoltoso

Se il settore experience cresce e si rinnova, il settore video invece sembra non trovare una stabilità in casa Disney. Nel trimestre chiuso a settembre, infatti, il brand ha perso 420 milioni di dollari, cifra che rappresenta tuttavia un netto miglioramento rispetto al trimestre passato nel quale la perdita è stata di 1,4 miliardi.

Anche i ricavi televisivi non vanno bene quanto dovrebbero. Il settore video Disney è quindi in un momento di crisi, il che non può che alimentare voci di un impoverimento creativo, del quale il brand è accusato dopo una serie di lanci di remake e serie tv. Voci che la società tenterà di smentire con “Wish”, il nuovo classico Disney in uscita a dicembre nei cinema. Disney+ non avrà la prima window del film che approderà inizialmente solo nelle sale cinematografiche

Trailer del nuovo film Disney “Wish”

I trend corrono sempre più velocemente e anche un pilastro dell’animazione può essere messo in difficoltà da questo fenomeno. Starà a Bob Iger gestire al meglio la situazione per far ripartire il colosso dell’animazione occidentale.

Ci leggiamo presto!

A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO