Lidl costretta a distruggere i suoi coniglietti: troppo simili a Lindt

Avatar photo
3 Ottobre 2022
Praticamente uno snack
+ -

Una sentenza mette fine alla querelle: i cioccolatini Lidl sono troppo simili a quelli più noti prodotti da Lindt. La catena di supermercati tedesca dovrà ora fonderli tutti.

Adesso è davvero finita. L’annosa questione dei coniglietti di cioccolato è giunta al termine. Il tribunale di Ginevra ha deciso in favore di Lindt & Sprüngli, azienda svizzera che ha fin dal 2000 i diritti per la produzione del cioccolato teriomorfico. Adesso Lidl dovrà interrompere la produzione e distruggere i propri cioccolatini.

Somiglianze e differenze

Il gruppo della GDO è quindi reo di aver creato dei prodotti troppo simili, che potevano indurre in confusione il consumatore. Il problema risiede nel copyright: il prodotto è stato ritenuto non distinguibile perfettamente. In effetti ad un primo veloce sguardo i due prodotti sembrano quasi identici: entrambi i coniglietti sono avvolti in un foglio d’alluminio dorato, hanno un fiocchetto intorno al collo, una campanella e sono accovacciati. Il secondo più attento sguardo non lascia però nessun dubbio: i prodotti sono perfettamente distinguibili. Probabilmente la decisione del giudice si basa su quella prima impressione.

lidl-lindtl
Credits: Dissapore

Si tratta di un’altra vittoria per il gruppo svizzero che già dal lontano 2000 ha dovuto difendersi da attacchi di plagio di concorrenti per l’amato coniglietto. Il prodotto di Lindt è ormai considerato iconico ed è ben presente nella mente dei consumatori. L’obiettivo di Lidl, tecnica di marketing in realtà molto usata in molti settori, è quello di sfruttare l’effetto trascinamento di un prodotto che ha un certo successo e che garantisce alte vendite.

Il ruolo dei consumatori

Il tribunale svizzero ha ribaltato una sentenza dello scorso anno che aveva dato ragione a Lidl. Da adesso i clienti non troveranno più i coniglietti tra gli scaffali del discount tedesco. Come supporto Lindt ha presentato un sondaggio tra i suoi consumatori che dimostra come i due prodotti possano essere confusi facilmente. Sembra dunque, da questa notizia, che anche i clienti abbiano avuto un certo ruolo nella decisione della corte federale svizzera.

Nessuno spreco

Chi sta già pensando allo spreco che porterà la distruzione di tutti i lotti del prodotto di casa Lidl può star tranquillo. Il cioccolato non andrà buttato ma sarà rifuso e rivenduto in altre forme. Questo è anche il consiglio del tribunale federale svizzero, che ha considerato proporzionata la pena proprio in virtù della possibilità di non generare uno spreco inutile.

Ci leggiamo presto!

Image credits cover: Adyen

Entra a far parte del nostro canale Telegram!

Ogni giorno news, riflessioni, approfondimenti e tanto altro in esclusiva per la nostra community.

Avatar photo
La Gazzetta del Pubblicitario è una realtà nata nel 2019 dalla voglia di raccontare storie creative legate a brand di successo, o piccole realtà che con un’idea si sono fatte strada tra il grande pubblico: un telescopio puntato verso il mondo pubblicitario, che proverà ad analizzare le parti più interessanti del processo creativo che portano ad una campagna di successo.

Potrebbe piacerti anche

+ -
+ -
+ -
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie. Cliccando su rifiuta o chiudendo il banner si rifiutano tutti i cookie. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie attivare.
Cerca tra gli articoli
Control Center
Dark mode
Segnalibri
Notifiche
Cookies

Ehi lettore!

Tutte le domeniche alle 09:00 quasi 3.000 iscritti ricevono la nostra newsletter settimanale.

Cosa contiene? Un recap del meglio della settimana che potresti aver perso e 2 speciali inediti direttamente dalla nostra redazione. Un ambiente più intimo per chi vuole approfondire le tematiche dell’advertising. Unisciti a colleghi e appassionati e accompagna nel modo giusto la tua tazza di caffè.

Ti aspettiamo dentro!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!
Grazie per essere entrato nel pianeta Gazzetta! Ci leggiamo Domenica!

Ehi lettore!

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

Se ti è piaciuto l’articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra newsletter con un semplice passaggio qui sotto!

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana, ogni domenica.

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!

Focus

Ragione e sentimento, matematica e grandi intuizioni: il marketing come non ve lo hanno ancora raccontato.

Il canale di comunicazione del XXI secolo è un ecosistema sempre più vasto. Proviamo a renderlo più familiare facendo chiarezza.

Senza una punta di genio la pubblicità sarebbe solo cronaca. Fortunatamente, il mondo dell’advertising abbonda di effetti speciali, colori e grandissime menti!