Big Mac anche con bacon o pollo? La sfida di McDonald’s e Leo Burnett

Avatar photo
8 Settembre 2022
Il tempo di un caffè

Presentata la nuova campagna di McDonald’s curata da Leo Burnett Italia tutta imperniata sulla polarizzazione tra Big Mac tradizionale e le nuove varietà arrivate sul mercato

Toccare uno dei simboli iconici e globali di un brand è operazione molto delicata. I rischi sul tavolo sono sempre tanti e la reazione dei consumatori è la mano di poker che si può vincere o perdere con una posta altissima. E’ la scommessa che ha voluto fare McDonald’s ma anche Leo Burnett con la nuova campagna per le nuove varietà di Big Mac con bacon o pollo presentate sul mercato italiano. La domanda è: anche così resta un Big Mac? Per l’azienda la risposta è scontata.

SAI EVOLVERTI?

Per fare in modo che la risposta sia scontata anche per il consumatore ecco che negli spot (girati con attori italiani di spessore con la curata regia di Benito Montorio) i detrattori sono tratteggiati grosso modo come incapaci di evolversi nel tempo. Spesso giocando sul ribaltamento dei ruoli dove sono gli anziani ad accusare i giovani di eccessiva rigidità. Insomma: se per te il Big Mac non è tale perché ci sono pollo e bacon sei tu che non riesci a stare al passo. Il tutto, chiaramente, con molta ironia e sorriso.

IL BIG MAC COME CHIAVE DI POLARIZZAZIONE

Si tratta, dunque, di una sostanziale polarizzazione filosofica con tutti i benefici che porta con sé una polarizzazione (politica docet). Un dibattito che ha preso molto piede sulle community degli amanti di questa catena di fast food che si stanno già dividendo in modo netto (caratteristica dei social). D’altronde un tifoso, in termini di marketing, è spesso meglio di un semplice curioso. Non a caso la campagna ha presentato anche due hashtag semplici ed opposti come “E’unBigMac #NonèunBigMac riunendo le prove a sostegno di una o l’altra parte.

LA DIFFUSIONE DELLA CAMPAGNA

La campagna è cross channel ed è in onda dallo scorso 31 agosto sulle principali emittenti televisive (in due formati da 30 e 15 secondi per le due varianti), sui canali digitali, sui social e nelle radio. Il 10 settembre ecco il suo culmine con una suggestiva attivazione al festival Milano Rocks all’ippodromo di San Siro. La pianificazione è a cura di Omd mentre una pianificazione parallela di influencer marketing è coordinata da Fuse (unit specializzata in branded entertainment del gruppo Omg) con il coinvolgimento di creator con molto seguito su Instagram e Tik Tok.

Il rapper Ghali sempre più legato a doppio filo con McDonald’s

GHALI E FRU, DISSING SUL BIG MAC

Sui canali ufficiali della emme gialla il tutto è ampliato da video interviste, sondaggi, contenuti di engagement e la collaborazione del rapper Ghali (che si lega sempre più al marchio McDonald’s). Presente tra i testimonial anche il volto noto dei The Jackal Fru che darà vita ad un dissing proprio con Ghali (dicevamo della polarizzazione?). A San Siro il 10 settembre saranno proprio i due artisti a svelare l’esito della votazione utilizzando 20.000 braccialetti luminosi. Praticamente un referendum.

Ci leggiamo presto!

A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO