Ti sai descrivere con una sola parola? La sfida di Twitter

Avatar photo
6 Settembre 2022
Praticamente uno snack
+ -

Il fenomeno del one-word tweet che ti spinge a saperti descrivere a pieno con una sola parola

Non si vedono immagini o link, neppure un piccolo hashtag. Diverse aziende e personaggi pubblici negli ultimi giorni hanno pubblicato sul proprio profilo Twitter un post contenente una parola soltanto. Non si tratta di una parola casuale ma un termine accuratamente scelto dagli utenti per indicare le caratteristiche principali del loro essere. I post hanno ricevuto un numero significativo di like e commenti e il trend è pian piano arrivato anche in Italia, dove l’account di La7 è stato uno dei primi ad esprimere la sua essenza attraverso una singola parola: televisione (niente di clamorosamente originale ma essenziale).

IL TREND DELLA SINGOLA PAROLA DALLE ORIGINI SCONOSCIUTE

Non sono noti i motivi che hanno portato Amtrak, l’azienda di trasporti ferroviari statunitensi per eccellenza, a pubblicare un tweet con scritto solamente “trains” (treni in inglese). Il post fatto probabilmente per errore ha riscosso però un enorme successo, arrivando a contare in poche ore dalla sua pubblicazione quasi 20mila condivisioni e più di 150mila “mi piace”. Nei commenti del post la Bay Area Rapid Transit, il sistema di trasporto pubblico su rotaia che opera nella San Francisco Bay Area, ha rivendicato il primato di questo fenomeno, condividendo il suo one-word tweet pubblicato nel luglio del 2020.

SILENZIO DA ELON MUSK, UNA PAROLA NON BASTA

Il presidente Joe Biden ha scelto la parola “democracy” puntando al cuore delle sue ideologie politiche, la più enigmatica Nasa ha optato per un generale “universe”. Chi invece non è riuscito a trovare ancora un termine con cui identificarsi a pieno è proprio Elon Musk, famoso imprenditore e amministratore delegato di Tesla. Vista la complessità del personaggio, definirlo con un’unica parola è una vera e propria sfida. Anche per se stesso.

Ci leggiamo presto!

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle quarantamila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Avatar photo
Quando ero piccola non avevo un diario segreto, ma almeno una decina: le storie da raccontare sono da sempre state troppe. A volte basta davvero poco per chi scrive: un minuscolo dettaglio può diventare un racconto incredibile. E io cerco di scovare i dettagli più interessanti. Aspirante giornalista pubblicista. Nel tempo libero, studio legge e scrivo racconti sugli amici di sempre.

Potrebbe piacerti anche

+ -
+ -
+ -
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie. Cliccando su rifiuta o chiudendo il banner si rifiutano tutti i cookie. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie attivare.
Cerca tra gli articoli
Control Center
Dark mode
Segnalibri
Notifiche
Cookies

Ehi lettore!

Tutte le domeniche alle 09:00 quasi 3.000 iscritti ricevono la nostra newsletter settimanale.

Cosa contiene? Un recap del meglio della settimana che potresti aver perso e 2 speciali inediti direttamente dalla nostra redazione. Un ambiente più intimo per chi vuole approfondire le tematiche dell’advertising. Unisciti a colleghi e appassionati e accompagna nel modo giusto la tua tazza di caffè.

Ti aspettiamo dentro!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!
Grazie per essere entrato nel pianeta Gazzetta! Ci leggiamo Domenica!

Ehi lettore!

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

Se ti è piaciuto l’articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra newsletter con un semplice passaggio qui sotto!

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana, ogni domenica.

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)
E come sempre, ci leggiamo presto!

Focus

Ragione e sentimento, matematica e grandi intuizioni: il marketing come non ve lo hanno ancora raccontato.

Il canale di comunicazione del XXI secolo è un ecosistema sempre più vasto. Proviamo a renderlo più familiare facendo chiarezza.

Senza una punta di genio la pubblicità sarebbe solo cronaca. Fortunatamente, il mondo dell’advertising abbonda di effetti speciali, colori e grandissime menti!