|

Arriva anche in Italia Spotify Audience Network: il tutorial di come funziona e cosa si può fare

Avatar photo
9 Maggio 2023
Silenzia il telefono

Una piattaforma di Spotify che consente a chiunque di creare annunci audio-first da inserire all’interno dei podcast, data la crescita del mercato audio.

Il marketplace pubblicitario audio-first Spotify Audience Network apre le sue porte anche in Italia, assieme a Spagna e Francia. Il nuovo servizio di Spotify consente a chiunque di creare i propri annunci audio e video per entrare in contatto con gli ascoltatori di diversi contenuti sia all’interno che all’esterno dell’app Spotify, tra cui Spotify Originale & Exclusives ma anche i podcast di altri Publisher come Vois

Un nuovo approccio per gli audio ads

Se prima l’acquisto di pubblicità da inserire nei podcast avveniva tramite singoli titoli, Spotify Audience Network cambia approccio, permettendo agli inserzionisti di scegliere con più precisione il pubblico che l’annuncio deve raggiungere. Il nuovo marketplace pubblicitario di Spotify, infatti, permette una targettizzazione precisa sia in termini demografici che comportamentali raggiungendo gli ascoltatori mediante un’ampia gamma di contenuti. 

Sappiamo che i podcast stanno diventando parte integrante del media mix dei nostri inserzionisti e per questo dobbiamo continuare a innovare in ambito tecnologico per soddisfare le loro esigenze. Spotify Audience Network non solo consente agli inserzionisti di aumentare facilmente la copertura delle loro campagne podcast, ma permette inoltre di effettuare un targeting preciso del pubblico” le parole di Alberto Mazzieri, Head of Enterprise Sales, Southern Europe.

Al lancio di Spotify Audience Network consegue anche quello di Podsights, strumento che permette agli inserzionisti di accedere alle informazioni in tempo reale sui loro investimenti in podcast.

Come funziona

Per la pubblicazione e la pianificazione delle campagne per i podcast Spotify prevede l’utilizzo di una piattaforma intuitiva, simile a quella di Meta, Spotify Ad Studio.

Per accedere alla piattaforma basta creare un account gratuito Spotify o accedere se si è già registrati alla piattaforma. Una volta effettuato quindi l’accesso a Spotify Ad Studio si può procedere ad aggiungere altri componenti al proprio team oppure creando la prima campagna. 

Credit: Spotify

Si passa poi a definire i dettagli della campagna stessa, quindi il nome e la definizione di cosa si sta pubblicizzando tra prodotti, musica di un artista Spotify o merchandise di un artista. È poi possibile scegliere il formato dell’annuncio tra solo audio, oppure video sia verticale che orizzontale. 

Arriva poi la fase in cui si definisce il pubblico a cui verranno proposti gli annunci stessi. Proprio come i principali player del settore advertising digitale (Meta, TikTok, Google Adwords) è possibile scegliere l’area geografica sia in maniera più generica, definendo solamente il Paese, oppure inserendo codici postali specifici potendo aggiungere fino a mille diverse località. C’è poi la definizione dell’età del target e del genere. 

Spotify
Credit: Spotify

La sezione successiva è quella che permette di impostare il budget. Si parte da un minimo di €15 per l’impostazione del budget giornaliero o da €250 per l’impostazione di un unico budget per l’intera durata della campagna. È poi quindi possibile definire la durata della campagna stessa.

Dopo aver impostato il budget si passa alla scelta dell’obiettivo della campagna che può essere quello di ottenere impressione, copertura o clic. È necessario scegliere anche un limite di offerta, ovvero il costo massimo che si è disposti a spendere per mille impression.

Si passa poi alla creazione vera e propria dell’annuncio, dandogli un nome e scegliendo il nome che verrà invece visualizzato dall’utente sullo schermo durante la riproduzione dell’annuncio. Si sceglie poi la dicitura che verrà riportata nel pulsante per la call to action tra le diverse opzioni disponibili e l’URL a cui riporterà il clic. È poi necessario caricare un’immagine e l’audio per gli annunci audio, o il video per gli annunci video orizzontale o verticale.

Spotify in aiuto per gli annunci audio

In particolare, per gli annunci audio, Spotify offre la possibilità di creare l’annuncio per l’inserzionista. Basterà fornire un copione e alcune indicazioni per il doppiatore che registrerà l’annuncio stesso.

Credit: Spotify

È possibile anche scegliere il doppiatore grazie ad una serie di registrazioni audio di prova da cui selezionare la voce più adatta per recitare l’annuncio.

Credit: Spotify

Per questi annunci registrati da Spotify si può caricare la propria traccia di sottofondo o scegliere da una libreria gratuita di brani, anch’essa creata da Spotify.

Si tratta di una soluzione utile per aziende piccole che vogliono sfruttare gli annunci sulla piattaforma ma che non hanno la possibilità di registrare in prima persona i propri annunci, preferendo rivolgersi alla professionalità di Spotify che offre questo servizio senza alcun costo aggiuntivo. 

Una volta completata l’operazione non resta che aggiungere il metodo di pagamento desiderato e un indirizzo aziendale per lanciare la campagna

I vantaggi di Spotify Audience Network

Il marketplace per inserzionisti di Spotify, quindi, fornisce diversi vantaggi.

Primo tra tutti la possibilità di raggiungere gli ascoltatori di podcast su larga scala ma comunque in maniera precisa, potendo scegliere il pubblico a cui rivolgere gli annunci audio.

Inoltre, l’offerta aggiuntiva a costo zero che permette di far creare direttamente a Spotify l’audio dell’annuncio per la propria azienda permette a chiunque di sperimentare nell’ambito delle inserzioni all’interno dei podcast

Interessante anche il fatto che gli annunci possano raggiungere contenuti anche al di fuori dell’app di Spotify, senza doversi rivolgere ad ulteriori soggetti per riproporre il proprio annuncio.

Ci leggiamo presto!

A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO