|

The Crispy Tattoo: 7mila utenti coinvolti dall’ultima campagna di Leo Burnett per McDonald’s

Avatar photo
24 Maggio 2023
Praticamente uno snack

L’iniziativa The Crispy Tattoo di McDonald’s ha riunito migliaia di amanti del Crispy McBacon. Tra questi, alcuni sono stati selezionati per un vero tatuaggio a tema Crispy.

Lo scorso marzo la catena di fast food McDonald’s, con l’aiuto di Fedez come testimonial, ha lanciato l’iniziativa The Crispy Tattoo

La campagna Crispy McBacon Temptation, di cui l’iniziativa fa parte, è stata ideata da Leo Burnett in collaborazione con Fuse e OMD che hanno curato lo sviluppo della mappa Roblox, la scelta del main talent e degli influencer per l’amplificazione media e la produzione on field delle attività territoriali.

Migliaia di Crispy Lovers

Sono stati oltre 7mila i Crispy Lovers coinvolti che farebbero di tutto per dimostrare il loro amore verso uno dei panini McDonald’s più famosi.

Alcuni di loro, selezionati tramite casting, hanno avuto l’opportunità di tatuare permanentemente un Crispy sulla loro pelle. Lo scorso 26 e 30 aprile, infatti, durante due eventi nelle città di Roma prima e Milano poi i fortunati sono stati le tele umane per dei tatuaggi ispirati all’iconico panino realizzati in collaborazione con Amanda Top Tattoo Parlour e Fronte del Porto Tattoo, che durante gli eventi si sono momentaneamente trasformati in Crispy Tattoo Studio. 

Dalla realtà al mondo virtuale

L’iniziativa dedicata al panino più desiderato d’Italia non ha avuto successo solo nella vita reale. Anche nel metaverso sono stati molti gli avatar che hanno sfoggiato fieramente il loro amore per il Crispy. Sulla Crispy Tattoo Island di Roblox, infatti, grazie ad un tattoo studio virtuale gli utenti hanno potuto tatuare i propri avatar. L’isola ha registrato ben 81mila visite e oltre 6mila utenti hanno scattato un selfie sull’isola immortalando il loro tatuaggio virtuale.

Anche sui social sono stati in molti ad aderire, dimostrando il loro amore per il panino scattando foto o realizzando video con un filtro dedicato su Instagram e un branded effect su TikTok

Ci leggiamo presto!

A cura di
Avatar photo
Gazzetta PRO