Inizio
logo-fiorentina-2022
A cura di Alan Conti

Fiorentina, nasce il nuovo logo tra passato e futuro

La Fiorentina ha presentato oggi, giorno del Capodanno Fiorentino, il nuovo logo della squadra con un giglio rosso di grande tradizione e una V viola che guarda ai futuri impianti

Un ritorno al passato per la Fiorentina e un occhio al futuro. La squadra viola ha presentato oggi il nuovo logo sollevando, come sempre, voci di approvazione ma anche qualche mal di pancia. Gran cerimoniere della presentazione del re-branding è stato il direttore generale della Fiorentina Joe Barone che ha tolto il velo su un giglio rosso (e ci mancherebbe) anni ’60 posto sopra ad una grande e schiacciata “V” viola. Nessuna scritta all’interno del quadrato ma sulle maglie da gioco del prossimo anno comparirà la dicitura Fiorentina sotto al marchio. L’analisi preliminare e lo sviluppo della nuova identità è stata affidata all’agenzia internazionale FutureBrand (Voiello e Feltrinelli tra gli altri clienti).  Il calcio è al centro anche di questo nostro articolo sulle sponsorizzazioni più iconiche.

Il nuovo logo della Fiorentina con la partecipazione delle vecchie glorie alla presentazione

I SIMBOLI DELLA FIORENTINA

Il giglio rosso del nuovo marchio è ispirato a quello introdotto nel 1957 e indossato dai Leoni di Ibrox che vinsero la Coppa delle Coppe nel 1961. Secondo i racconti dell’epoca a disegnarlo fu addirittura il primo presidente della Fiorentina Luigi Ridolfi e rimase sulle maglie fino alla Mitropa Cup del 1966. La spigolosità tipica degli stemmi della squadra viene però modernizzata nell’ottica di una comunicazione digitale che preferisce le forme contenibili in cerchi.

La Coppa delle Coppe viola del 1961

LA V DEL VIOLA PARK

Oltre all’identificazione con i tifosi occhio alla V posta sotto il giglio. Non è casuale e guarda con decisione a quello che sarà un elemento architettonico identificativo del costruendo Viola Park dove la visual identity del club troverà maggiore esaltazione e compimento. Lo sguardo è al futuro. “L’identità dei Viola è unica nel mondo, non solo in Italia” le parole di Barone. “Quando Rocco Commisso ha creduto in questa città e questo rebranding è un modo per portarla nel futuro. La tifoseria è rappresentata dalla V che si abbina alla forza e alla grandezza del giglio”. Tutta la presentazione, comunque, è stata pubblicata su You Tube.

La presentazione del rebranding della Fiorentina

IL MANIFESTO DEI VIOLA

Contestualmente con il nuovo logo la Fiorentina ha svelato il Manifesto del Club: un modo per creare immediatamente una forte correlazione tra l’immagine visiva e le radici più profonde della squadra nella città. Tutto proiettato verso quello che viene definito, quasi come un claim, un nuovo “Rinascimento Fiorentino”. Attenzione, però, perché c’è anche un brand claim ufficiale che recita “Play to be different” come riportato dal video ufficiale.

Il video di lancio del Manifesto

La data scelta per il lancio del nuovo stemma non è casuale: il 25 marzo, infatti, è il Capodanno Fiorentino. Il primo giorno dell’anno per la città Firenze fino al 1749. Passato e futuro che, di nuovo, si intrecciano in un abbraccio.

Alan Conti

alan@lagazzettadelpubblicitario.it

Dicono che io faccia il giornalista ma in realtà inseguo solo da sempre la mia curiosità. Sollazzo e affanno perpetui. Ogni racconto ha il suo vestito: cerco di tagliarlo e cucirlo rendendogli semplicemente onore. Ironia e capacità di non prendersi troppo sul serio sono due bussole che tendo a non lasciare fuori dalla mia bisaccia.

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana,

ogni domenica.

E come sempre, ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)