Inizio
A cura di Alan Conti

Tropicana, il catastrofismo conquista anche gli spot

Presentata oggi la nuova campagna inglese per le bevande Tropicana con un forte richiamo al catastrofismo che tanto sta pagando in questo periodo dopo il film Netflix Don’t Look Up

Catastrofica, apocalittica e persino sfigata. Per quanto sia negativa una giornata non può andare storta se ad un tiro di schioppo si trova una bevanda Tropicana. In un mondo ancora ammaliato dal paradossale nichilismo del film Don’t Look Up ecco che l’agenzia Cramer-Krasselt si inventa uno spot per il mercato inglese che calza a pennello alla situazione. Strappando anche una risata e qualche sopracciglio alzato per le esagerate caricature.

La long versione dello spot catastrofico realizzato per Tropicana

Il succo di frutta sarà sempre lì a strappare una risata pure quando tutto sembra crollare. Questo il senso, nemmeno troppo velato, dello spot intitolato “Just Another Day” nella sua long version che si apre e chiude nel salotto di una famiglia media inglese. La direzione è di Nick Ball con la colonna sonora affidata alla voce dolce di Ella Fitzgerald che canta It’s a Lovely Day Today in un contrasto volutamente aperto con quanto si vede nelle immagino. Un climax provocatorio.

Nel mondo digitale e sui social, infine, la campagna sarà veicolata attraverso delle mini versioni di 15 secondi.

MARATONA PUBBLICITÀ
SANREMO 2022

Creativo per natura, amante della pubblicità e magari appassionato anche del Festival di Sanremo? Abbiamo pane per i tuoi denti.

Martedì 1 Febbraio dalle 21.00 la redazione de La Gazzetta Del Pubblicitario commenterà minuto per minuto l’altro lato del Festival: le pubblicità! Tutti gli spot, uno dopo l’altro, con tanto di pagelle per eleggere il brand più creativo del palcoscenico pubblicitario più costoso d’Italia!

Scopri la diretta

IL BUONDÌ APRIPISTA

Non si può non citare, nella carrellata catastrofista, quello spot di Buondì che rappresentò il vero apripista del genere comete o asteroidi che precipitano e scombinano. Il fatto che piombasse sulla testa di una bambina non troppo gradevole causò anche un’esplosione di polemiche nel 2018 ma, di fatto, aprì un filone ancora oggi fruttuoso.

Ci leggiamo presto!

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle venticinquemila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Alan Conti

alan@lagazzettadelpubblicitario.it

Dicono che io faccia il giornalista ma in realtà inseguo solo da sempre la mia curiosità. Sollazzo e affanno perpetui. Ogni racconto ha il suo vestito: cerco di tagliarlo e cucirlo rendendogli semplicemente onore. Ironia e capacità di non prendersi troppo sul serio sono due bussole che tendo a non lasciare fuori dalla mia bisaccia.

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana,

ogni domenica.

E come sempre, ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)