Inizio
Google
A cura di Alan Conti

Google sanzionata: 1,45 milioni di euro per la pubblicità al gioco d’azzardo

Google è stata sanzionata dall’Agcom assieme ai creator di Top Ads Ltd per un totale di 1,45 milioni di euro. Costa cara la violazione su You Tube alle disposizioni del Decreto Dignità

Annuncio

Costa caro il gioco d’azzardo a Google. L’Agenzia per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) ha sanzionato con due ingiunzioni per 1,45 milioni di euro le società Google Ireland Limited (750.000 euro) e Top Ads Ltd (700.000 euro). Il motivo è la violazione del divieto di pubblicità del gioco d’azzardo inserito nel Decreto Dignità. 

L’indagine ha dunque individuato come responsabili sia il creator delle campagne Top Video (mediante il proprio sito e i canali Spike su You Tube) sia il canale di diffusione (in questo caso You Tube di Google). 

Le norme inserite nel Decreto Dignità

CONTESTATA LA MANCATA REAZIONE DI GOOGLE

Sostanzialmente a Google viene imputato di non aver fatto nulla per contrastare la diffusione dei video illeciti da parte di Top Video con cui, peraltro, ha in atto una partnership che riconosce alla stessa agenzia di produzione la dicitura di “partner verificato”. Un procedimento simile era stato contestato a Google nel 2020 per una pubblicità veicolata sul motore di ricerca (in quel caso la sanzione fu di 100.000 euro). 

Oltre alla somma da pagare l’Agcom ha imposto la rimozione di 625 contenuti illeciti ancora presenti sulla piattaforma di You Tube e sul sito di Spike entro sette giorni inibendo per la prima volta video con contenuti analoghi in linea con le recenti pronunce della Corte di Giustizia Europea. 

Ci leggiamo presto!

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle venticinquemila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Alan Conti

alan@lagazzettadelpubblicitario.it

Dicono che io faccia il giornalista ma in realtà inseguo solo da sempre la mia curiosità. Sollazzo e affanno perpetui. Ogni racconto ha il suo vestito: cerco di tagliarlo e cucirlo rendendogli semplicemente onore. Ironia e capacità di non prendersi troppo sul serio sono due bussole che tendo a non lasciare fuori dalla mia bisaccia.

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana,

ogni domenica.

E come sempre, ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)