Inizio
A cura di Redazione

Mark Zuckerberg mostra le caratteristiche del nuovo visore Cambria

Mark Zuckerberg mostra al pubblico le caratteristiche del nuovo visore “Project Cambria” e i miglioramenti raggiunti rispetto allo scorso modello Quest. 

Annuncio

Pochi giorni fa, Mark Zuckeberg ha condiviso sui social alcuni video dimostrativi per illustrare al pubblico le funzionalità e le caratteristiche dei nuovi dispositivi Meta, ideati per la realtà virtuale. Il visore “Project Cambria” rimane nascosto agli occhi degli utenti mentre l’imprenditore americano sottolinea la capacità di questo strumento tecnologico di trasferire tutti gli elementi reali in alta risoluzione e a colori. Questo device, inoltre, permette di interagire con gli oggetti virtuali sovrapposti agli ambienti reali. Il video postato dalla società su YouTube rende ancora più evidente la differenza tra l’attuale visore Quest e il nuovo in arrivo. 

Questi dispositivi VR creano una realtà mista utilizzando la Presence Platform di Meta, introdotta lo scorso autunno. A differenza di Quest, Cambria è composto da sensori di immagine a risoluzione molto più elevata per migliorare l’aspetto del mondo reale visto attraverso il visore. I nuovi sistemi sono in grado, inoltre, di distinguere tra i diversi oggetti reali in modo da sapere dove posizionare quelli virtuali.

Andrew Bosworth, CTO di Meta, ha scritto su Twitter che è previsto per questa settimana un aggiornamento dell’SDK includendo l’intero set di strumenti della Presence Platform, gli SDK Spatial Anchors, Scene, Interaction e Voice e la API Hand Tracking, nonostante sia stata già recentemente aggiornata.

Nella demo “The World Beyond”, presentata l’anno scorso all’evento Facebook Connect, Zuckerberg mostra come si possono trasferire oggetti ed elementi virtuali sull’ambiente reale e come interagire con essi. Nel filmato vengono mostrate anche altre funzionalità Meta AR legate alla Presence Platform e al visore, come la possibilità di lavorare alla propria workstation cloud utilizzando la realtà aumentata. Secondo un test svolto da Protocol, i sensori non sono ancora completamente fotorealistici nonostante la qualità nettamente migliorata. 

Meta ha informato che la demo sarà presto disponibile nell’App Lab per essere provata dagli sviluppatori e il nuovo visore Cambria, invece, dovrebbe uscire entro la fine dell’anno.

Ci leggiamo presto!

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle venticinquemila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Redazione

redazione@lagazzettadelpubblicitario.it

La Gazzetta del Pubblicitario è una realtà nata nel 2019 dalla voglia di raccontare storie creative legate a brand di successo, o piccole realtà che con un’idea si sono fatte strada tra il grande pubblico: un telescopio puntato verso il mondo pubblicitario, che proverà ad analizzare le parti più interessanti del processo creativo che portano ad una campagna di successo.

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana,

ogni domenica.

E come sempre, ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)