Inizio
netflix ad google
A cura di Marco Bellinzona

Netflix incontra Google a Cannes. Si apre all’ad-model?

Al Festival della Creatività di Cannes c’è stato un incontro fra Netflix e Google. La streaming platoform apre definitivamente alla pubblicità.

In occasione del Festival della Creatività, il Palais di Cannes è praticamente il set di un film: i protagonisti sono le migliori agenzie creative del pianeta ma non mancano nemmeno i colpi di scena come quello di Gustav Martner, l’attivista di Greenpeace che ha fatto irruzione sul palco. Ma dove si vede in streaming? Ovviamente su Netflix, però alla pubblicità ci penserà Google.

PERCHÉ NETFLIX CERCA GOOGLE?

Anche per Netflix e Google si tratta di creatività, ma in questo caso il motivo è strettamente economico.
Come si sa, nel primo trimestre di quest’anno la piattaforma streaming ha accusato un anomalo calo di abbonati, 200mila in meno. Una cifra irrisoria sugli oltre 200 milioni di utenti, ma sufficiente a spaventare gli investitori: infatti, quando la notizia fu divulgata a fine aprile, i titoli di Netflix calarono del 25%.

Davanti al problema, Netflix non ha esitato, optando per una soluzione radicale: integrare servizi adv sulla piattaforma. Radicale a tutti gli effetti perché, se tante piattaforme streaming ospitano adv e inserzioni, Netflix si differenzia proprio per il suo business model ad-free. Ovviamente la vicenda aveva fatto notizia, ma da allora non si è più mosso nulla. O almeno fino al Festival della Creatività.

COSA OFFRE GOOGLE A NETFLIX?

Google sarebbe un logico partner per i servizi adv di Netflix. La streaming platform avrebbe già avuto contatti con le statunitensi Comcast e NBCUniversal, ma per ora Google sembra la pista migliore. Infatti, in questa prima fase di allestimento del piano adv, la Big Tech potrebbe mettere a disposizione anche il suo ad server. D’altra parte Google ha già avuto a che fare con piattaforme streaming: Disney, ad esempio, utilizza Google Ad Manager per la sua pubblicità online.

L’aspetto ancora più interessante, tuttavia, è che, qualora la trattativa andasse in porto, Netflix e Google non sarebbero più in concorrenza. È vero, non c’è mai stata una competizione diretta fra i due colossi, a patto che non si consideri YouTube: con una eventuale collaborazione fra Netflix e Google non ci sarebbero più equivoci sul fronte dello streaming video. Stretta di mano e via verso nuovi orizzonti.

Qualunque sia l’esito della trattativa di Cannes, Netflix sta praticamente ufficializzando una svolta storica nei suoi servizi (forse pure un po’ contradditoria). Sarà qualcosa di nuovo per gli abbonati, ma non certo per il mercato delle streaming platforms: il business ad-model è sempre più gettonato per questo settore.

Ci leggiamo presto!

Annuncio

Marco Bellinzona

marco.bellinzona@lagazzettadelpubblicitario.it

Da anni scrivo per giornali online, anche se l'esperienza più intensa è stata con un cartaceo. Un giorno, accidentalmente, sono entrato nel mondo della pubblicità - pensavo fosse un caso, ma poi ho scoperto che anche qui c'è tanto da scrivere.

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana, ogni domenica.

E come sempre,

ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali

ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)