Inizio
Russia
A cura di Alan Conti

“Belle donne e gas economico, trasferitevi in Russia”: lo spot dell’Ambasciata

La Russia come luogo perfetto per trasferirsi dall’Europa. Spot dell’Ambasciata di Mosca in Spagna a metà tra promozione e provocazione pescando a piene mani dagli stereotipi

Annuncio

“Belle donne, gas a basso costo e un’economia capace di resistere a migliaia di sanzioni”. L’ambasciata di Mosca in Spagna produce uno spot che pesca a piene mani nel calderone degli stereotipi (con un certo gusto) ed invita gli europei ad andare in Russia. Un Paese dipinto come una sorta di eden tra efficienza ed edonismo. Non senza qualche punta di velata provocazione. Uno spot qualitativamente mediocre con belle immagini ma un plot ad elenco di bellezze ultra-visto. L’originalità, ovviamente, non la conferiscono la tecnica o la creatività ma il periodo storico. Drammatica anche, se vogliamo. Nell’elenco delle attrattive, in ogni caso, si potrebbe eccepire qualcosa sull’assenza di cancel culture.

IN RUSSIA ARRIVA PRESTO L’INVERNO

Lo spostamento in Russia, comunque, più che un invito turistico è una sollecitazione di vita. Più trasloco che vacanza. Il tutto velocemente perchè, come ricorda il claim finale: “L’inverno sta arrivando“. Stagione che a quelle latitudini è diventata storicamente Generale per quanto poco simpatica (altro che vodka). Il velo di tristezza che permane addosso è la sensazione che l’inverno è già piombato sull’Ucraina da mesi. Da quella prima bomba del 24 febbraio.

Ci leggiamo presto!

Sempre più grandi, grazie a Te.

Cara lettrice e caro lettore, se fai parte delle venticinquemila persone che ogni mese sceglie di leggere La Gazzetta Del Pubblicitario per informarsi, arricchirsi o divertirsi, questa lettera è per te…

Alan Conti

alan@lagazzettadelpubblicitario.it

Dicono che io faccia il giornalista ma in realtà inseguo solo da sempre la mia curiosità. Sollazzo e affanno perpetui. Ogni racconto ha il suo vestito: cerco di tagliarlo e cucirlo rendendogli semplicemente onore. Ironia e capacità di non prendersi troppo sul serio sono due bussole che tendo a non lasciare fuori dalla mia bisaccia.

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana,

ogni domenica.

E come sempre, ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)