Inizio
Pubblicità Super Bowl 2021
A cura di Redazione

Super Bowl 2021: che pubblicità vedremo quest’anno durante il Big Game?

Tempo di lettura: 4 minuti

5,5 milioni di dollari.
Questa è la cifra che un brand dovrà avere nel proprio salvadanaio il 7 febbraio per assicurarsi uno spazio di 30 secondi durante le pubblicità che interromperanno la diretta dell’edizione numero 55 del Super Bowl, la finale del campionato di football americano che ogni anno viene vista simultaneamente da circa 100 milioni di spettatori.

Per darvi un’idea di quanto sia cresciuto negli anni il brand Super Bowl basti pensare che alla prima edizione nel 1967 uno spazio pubblicitario della stessa durata fu venduto mediamente a 42.000 dollari.
I pochi spazi a disposizione e il fermento per questo evento dalla copertura televisiva planetaria inizia il giorno dopo la fine dell’edizione precedente, ed è per questo che solitamente la società che detiene i diritti televisivi dell’evento batte gli ultimi spazi all’asta entro il Giorno del Ringraziamento, che l’anno scorso è stato il 26 Novembre,  e si prepara ad incassare cifre complessive che sfiorano i 300 milioni di dollari.

A causa della particolare situazione pandemica, quest’anno la CBS, emittente che si è assicurata i diritti tv, non ha ancora annunciato il sold-out degli spazi a disposizione, ma sappiamo già chi all’80% sarà protagonista del Big Game.

Una cosa è certa: durante il Super Bowl la vera partita si gioca durante gli spot pubblicitari e oggi scopriremo chi saranno i giocatori di questo match.

Annuncio

PEPSI: LA REGINA DELL’HALF TIME SHOW

Per il decimo anno consecutivo, Pepsi sarà lo sponsor ufficiale dell’Half Time Show, sostanzialmente lo show di metà partita che durante gli ultimi anni è divenuto il momento televisivo con i più alti picchi di share sul pianeta terra.
Se l’anno scorso il marchio di bibite più famoso al mondo ha portato sul palco di Miami Shakira e Jennifer Lopez per uno spettacolo di 12 minuti , quest’anno la scelta ricade gioco forza sul cantante dell’anno: The Weeknd. Con un’esperienza totalizzante, per questo 2021 pepsi ha creato uno spot tv che anticipa il suo show, un sito dedicato per prepararsi al grande evento e un’edizione limitata delle sue bottiglie.

Lo spot di lancio dell’Half Time Pepsi Show

Per scelta invece Pepsi non manderà in scena spot durante il Super Bowl, concentrando tutti i suoi sforzi economici e creativi sullo spettacolo durante l’intervallo.

M&Ms: IL RITORNO

Mars Wrigley, meglio conosciuta come Mars, è la multinazionale che oltre ai noti Bounty, Mars e Twix detiene anche la proprietà di M&Ms. Con i suoi 35 miliardi di dollari annui di fatturato e gli oltre 100 prodotti alimentari sul mercato, ogni anno l’azienda cerca di puntare sul prodotto di punta da mettere in mostra durante il Super Bowl.

Proprio gli M&Ms tornano quest’anno a fare da alfiere del gruppo, dopo che nel 2020 furono parcheggiati in panchina a favore di Snickers, un altro brand del gruppo che aveva dato vita ad uno spot molto particolare.
L’ultima apparizione dei croccanti confetti dolci è datata 2019, con questo spot molto divertente che aveva visto protagonista l’attrice Christina Applegate.
Cosa inventeranno quest’anno i creativi dell’agenzia BBDO New York? Lo scopriremo presto.

M&Ms Super Bowl 2019
Annuncio

PRINGLES: LA STORIA CONTINUA

Da ormai 4 anni Pringles presenzia all’interno del palinsesto pubblicitario del Super Bowl in maniera stabile, ma soprattutto porta avanti un format creativo nato nella prima apparizione del 2018: il flavour stacking (letteralmente sarebbe la sovrapposizione del sapore).

Pringles Super Bowl 2018

L’idea di sovrapporre in modo casuale patatine di diversi gusti di Pringles è piaciuta a tutti, consumatori compresi, e così l’azienda, anche se ufficialmente non ha ancora rilasciato dichiarazione, lascia presagire che anche in questo 2021 il format sarà simile, ma con una rivisitazione del brand dopo i primi 20 anni di storia.
Chissà quale mix scopriremo quest’anno.

MOUNTAIN DEW: UN ALTRO SHINING?

L’anno scorso Mountain Dew aveva stupito tutto al Super Bowl con una campagna pubblicitaria nata per promuovere le nuove versioni della sua bibita senza zucchero. Lo spot, inserito nelle top 100 del 2020, era in realtà un chiaro remake in chiave comica di una delle scene più famose di Shining.
I protagonisti Bryan Cranston e Trace Ellis Ross hanno dato vita ad una sceneggiatura dalle tinte horror, che si è poi risolta con un bel sorso della nuova Mountain Dew senza zucchero.

Mountain Dew Super Bowl 2020

Anche quest’anno l’azienda si è aggiudicata uno spazio di 30 secondi durante il Super Bowl, ma non sappiamo ancora con quale spot si presenterà al grande pubblico.

TOYOTA: PARCHEGGIO PRENOTATO

Come Pringles, anche Toyota si parcheggerà per il quarto anno consecutivo tra gli ambiti spot del Super Bowl. Dopo aver stupito gli spettatori l’anno scorso con un commercial a cura di Saatchi&Saatchi in cui la nuova Toyota Highlander è protagonista di alcuni salvataggi in situazioni catastrofiche, ci viene da pensare quale sarà il tema di quest’anno, sperando che senza lo stesso tono profetico che ha poi anticipato la pandemia (si scherza ovviamente n.d.r) l’azienda possa portare un pò di tranquillità e pace a questo 2021.

Toyota Super Bowl 2021
Annuncio

TURBO TAX: TASSE IN MODO SEMPLICE


Per l’ottavo anno consecutivo, TurboTax sarà presente sul palcoscenico del Super Bowl. Come non è ancora dato saperlo, ma l’azienda che produce il software per facilitare il calcolo delle tasse più famoso d’America ci ha dato prova negli scorsi anni di riuscire a far passare un messaggio non proprio simpatico (si sa che tasse e contributi sono sempre argomenti ostici) in modo creativo.

Nel 2020 l’agenzia che segue Turbo Tax ha proposto di presentarsi al Big Game con uno spot raffigurante un balletto sotto il ritornello di “All people are tax people”.

TurboTax Super Bowl 2020

Non proprio come vedere un video promozionale di una vacanza ai Caraibi, ma ognuno fa di necessità virtù, e siamo curiosi di sapere come riusciranno a stupirci nell’edizione 2021.

WEATHER TECH: IL CANE SCOUT ANCORA PROTAGONISTA?

Anche Weather Tech si aggiudica con Turbotax il titolo di brand più longevo (in quanto a spot consecutivi) del Super Bowl. L’azienda leader negli accessori per automobili nel mondo, nel 2019 aveva deciso di presentare l’azienda attraverso gli occhi della sua mascotte, Scout, l’adorabile cane del proprietario David MacNeil. La scelta era stata fatta in ottica del lancio di una categoria di prodotti nuovi proprio nell’ambito pet.
L’aneddoto sorprendente riguarda però proprio il 2020: l’anno scorso infatti il povero Scout ha lottato per sconfiggere una rara forma cancro, da cui è uscito brillantemente grazie all’aiuto della University of Wisconsin School of Veterinary Medicine. MacNeil ha sorpreso tutti, dedicando lo spot annuale dell’azienda durante il Super Bowl proprio all’Università americana e promuovendo a nome Weather Tech una raccolta fondi a favore della ricerca contro questo genere di malattie.

Un regalo di visibilità senza precedenti che ha commosso tutti gli spettatori, e che ci lascia in trepidante attesa di vedere quale sarà l’idea creativa 2021.

Quando diciamo che la pubblicità può fare del bene, intendiamo proprio questo.

Weather Tech Super Bowl 2020

Il 55° Super Bowl americano andrà in onda il 7 Febbraio, e a poco meno di un mese dal primo touch down, si preannuncia già uno spettacolo mediatico scoppiettante.

Non ci resta che augurare un in bocca al lupo a tutte le agenzie pubblicitarie al lavoro e attendere l’uscita dei primi spot.

Ci leggiamo presto!





Redazione

redazione@lagazzettadelpubblicitario.it

La Redazione de La Gazzetta del Pubblicitario

Ehi lettore!

 

Prima di migrare verso altri siti, vorremmo ringraziarti di essere passato da qui.

 

Se ti è piaciuto l'articolo e non vuoi perderti i prossimi, puoi iscriverti alla nostra NEWSLETTER con un semplice passaggio qui sotto!

 

Sì, hai capito bene, la nostra newsletter arriva una volta alla settimana,

ogni domenica.

E come sempre, ci leggiamo presto!

Cliccando su ISCRIVITI acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 (GDPR)